MENU LOGIN




"L'Antifascista" è il bimensile edito dall'ANPPIA fin dal 1954. Giornale di divulgazione di notizie culturali, politiche e associative, volto alla conoscenza della storia dell'antifascismo e della sua difesa attuale. Fondato da Sandro Pertini e Umberto Teraccini.


Gennaio – Febbraio 2017


Accedi o Registrati

per visualizzare l’ultimo numero della rivista online.

Consulta gratuitamente i numeri passati:




NEL PROSSIMO NUMERO


L'ANTIFASCISTA
21.11.2016

Di Canio mostra il tatuaggio “dux” e Sky gli toglie la rubrica sportiva tv

di Alberto Di Maria

Il pelo perde il pelo ma non il vizio: “Orgoglioso di essere fascista”

In Italia accade spesso che vicende, apparentemente futili, si facciano amplificatore della seria dicotomia tra fascismo e antifascismo, ahinoi, mai risolta con una netta, definitiva e unanime condanna dell’esperienza del regime mussoliniano. Lo sport del calcio poi, non solo in Italia, inteso nei suoi risvolti più ampi, come «fatto sociale totale», secondo una celebre definizione che ne fu data, ha sempre fatto da cassa di risonanza a certe tensioni – consigliamo in proposito la lettura del fondamentale saggio scritto da Simon Kuper intitolato Calcio e potere. Ecco perché non stupisce il clamore che ha suscitato la recente ennesima polemica riguardante l’ex calciatore Paolo Di Canio. È rimbalzata in rete infatti, nella seconda settimana di settembre 2016, la notizia della «sospensione» di Di Canio dal ruolo di commentatore calcistico per la rete televisiva Sky Sport, dopo la pubblicazione, sul profilo Twitter della TV di Rupert Murdoch, di una foto che lo
Prosegue…


L'ANTIFASCISTA
23.02.2015

DALLA LEGIONE BRENNO AD AQUILA NERA

di Saverio Ferrari

IL FENOMENO DELLE ORGANIZZAZIONI NEOFASCISTE COSTITUITE DA EX APPARTENENTI ALLE FORZE DELL’ORDINE UNA MAPPA INQUIETANTE E MOLTO PERICOLOSA

Sembrerebbero essersi subito spenti i riflettori sull’operazione “Aquila Nera”, avviata dalla Procura dell’Aquila che, con quattordici arresti, a fine dicembre, ha portato allo smantellamento di un’organizzazione terroristica di stampo neofascista denominata Avanguardia ordinovista. Ciò che al momento appare certo è che alla guida di questa formazione eversiva figurasse tale Stefano Manni, per oltre un decennio in servizio nell’Arma dei Carabinieri. Solo qualche mese fa, a metà settembre, era stata programmata in contemporanea a Milano e a Roma, in alcune piazze centrali, la prima uscita della cosiddetta Fratellanza nazionale dei lupi neri. Ambedue i presidi «nazionalpatriottici» erano stati indetti «pro forze dell’ordine ed esercito». A Roma, la manifestazione promossa senza alcuna
Prosegue…