MENU LOGIN
NEWS
01.12.2016

DUE IMPORTANTI PERSONAGGI GIUDICANO LA RIFORMA VOTATA DAL PARLAMENTO

di Filippo Senatore

Antonio Padoa-Schioppa e Valerio Onida, parlano delle rispettive posizioni riguardo al Referendum sulla riforma costituzionale, provando a chiarire le questioni dei due schieramenti, senza filtri politici e polemici, inutili in un contesto decisionale così importante e personale per ogni elettore


Antonio Padoa-Schioppa è professore emerito di Storia del diritto medievale e moderno all’università statale di Milano. Presidente della Fondazione Biblioteca europea di Milano (Beic), si è occupato della struttura costituzionale dell’Unione Europea e della riforma degli studi giuridici in Italia. Tra le sue pubblicazioni, “Italia ed Europa nella Storia del diritto” e “Storia del diritto in Europa” ed. Il Mulino. Professore, l’attuale riforma della Costituzione rispetto alla Carta del 1948, già modificata in alcuni punti con la riforma costituzionale 2001 ha modificato ben 48 articoli. Non le sembra che ci troviamo dinnanzi a una Costituzione nuova? La nuova legge costituzionale che tra pochi giorni andrà al vaglio del referendum popolare per la conferma o la bocciatura, possiede prevalentemente profili di continuità rispetto al sistema precedente. I diritti fondamentali, i poteri, le prerogative e gli equilibri istituzionali rimangono integri secondo il dettato del 1948: parlamento, governo, Presidenza della Repubblica e Corte costituzionale. La critica rivolta dai fautori del “no” che denunciano un rafforzamento dell’esecutivo a discapito degli altri poteri dello Stato non ha ragione di essere. Perché? Mentre la riforma del governo Berlusconi, bocciata con referendum popolare nel 2006, prevedeva un evidente rafforzamento dell’esecutivo rispetto agli altri poteri con le prerogative di proporre lo scioglimento delle Camere in caso di sfiducia al governo e la potestà di fare dimettere i ministri del proprio governo, con la riforma attuale i poteri del governo e del Presidente del Consiglio non cambiano. La designazione del Presidente della Repubblica richiede una maggioranza qualificata, superiore dunque
Prosegue…


NEWS
23.11.2016

25 Novembre 1926, emanazione delle leggi speciali fasciste: nascita di una dittatura

di ANPPIA Nazionale

Convegno a Catania per i novant'anni dalla promulgazione delle Leggi Speciali. L'inizio dei lavori del Tribunale Speciale, la consacrazione delle dittatura fascista e del suo volto antidemocratico.

CONVEGNO 25 Novembre 1926, emanazione delle leggi speciali fasciste: nascita di una dittatura. 25 Novembre 2016 Aula Magna del Liceo Scientifico statale “E. Boggio Lera”, Via Quartarone 3 ore 14,30 Saluti: Prof.ssa Maria Giuseppa Lo Bianco (Dirigente Scolastico Liceo “Boggio Lera” Presentazione: Dott. Mario Tempesta (Presidente nazionale A.N.P.P.I.A.) Relazioni: Prof. Nunzio Famoso (Docente presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università di Catania) Antonino Pastore (ANPPIA Catania) Prof. Nino De Cristofaro (Insegnante Liceo “Boggio Lera”) Conclusioni: Claudio Longhitano (ANPPIA Catania) Interventi degli
Prosegue…

NEWS
11.11.2016

Mostra Catalunya bombardata a Terni!

di ANPPIA Nazionale

La Mostra Catalogna Bombardata organizzata dall' ANPPIA nazionale e dall'ANPPIA di Terni, in collaborazione con il Centro Filippo Buonarroti, dall'8 al 18 novembre

E’ stata inaugurata l’8 novembre  presso la Biblioteca Comunale di Terni la Mostra catalogna Bombardata organizzata dall’ ANPPIA nazionale e dall’ANPPIA di Terni, in collaborazione con il Centro Filippo Buonarroti. Essa  riproduce quella realizzata dal Memorial Democràtic della Generalitat de Catalunya in occasione del 75° Anniversario dei bombardamenti effettuati dall’Italia fascista sulla Catalogna ed è promossa tra gli altri da AICVAS, ANPI, ANED, INSMLI etc, con il contributo della Generalitat de Catalunya, Sarà  aperta al pubblico fino al giorno 18 novembre
Prosegue…

NEWS
01.11.2016

ADDIO TINA…..

di ANPPIA Nazionale

Cara "Gabriella", come ANPPIA proveremo "ad esserci" ogni giorno anche a nome tuo

Questa notte è scomparsa Tina Anselmi, prima donna Ministro e Presidente della Commissione d’inchiesta sulla loggia massonica P2. Una lunga storia la sua fatta da impegno e passione, prima come staffetta partigiana poi come parlamentare della Democrazia Cristiana. A 17 anni infatti dopo essere stata costretta dai nazifascisti ad assistere, insieme ad altri studenti, all’impiccagione di trentuno prigionieri per rappresaglia, decide di prender parte attivamente alla Resistenza, con il nome di battaglia di “Gabriella”. Ha legato il suo nome a
Prosegue…



NEWS
26.10.2016

Una nuova sezione ANPPIA a Lendinara!

di ANPPIA Nazionale

La nuova sezione coinvolge anche i comuni di San Bellino, Villanova del Ghebbo, Badia Polesine, Fratta Polesine, Castelguglielmo, Lusia, e sarà intitolata alla Medaglia d'oro al valor militare Lorenzo Fava

Sabato 15 ottobre 2016, si è svolta l’assemblea fondativa della sezione ANPPIA di Lendinara (Rovigo) presso i locali del Piano Nobile della Biblioteca Comunale di Lendinara gentilmente concessa per I’occasione dall’Amministrazione Comunale e alla presenza del segretario Generale Serena Colonna e del Presidente dell’Anppia di Verona Roberto Bonente. All’incontro hanno preso parte numerosi iscritti e i rappresentanti delle Amministrazioni comunali di Lendinara, con il Sindaco Luigi Viaro, di San Bellino, con il Sindaco Aldo D’Achille, di Castelguglielmo con l’Assessora Patrizia Pradella e di Villanova del Ghebbo con Cristian Borin. La nuova Sezione infatti coinvolge non solo il Comune di Lendinara
Prosegue…

NEWS
22.10.2016

Quale futuro per l’Europa? L’ideale dell’unità europea e il suo rilancio di fronte alle difficoltà e alle nuove destre

di Anppia Nazionale

Ne parliamo nel seminario internazionale a Bologna il 4 novembre

Quale futuro per l’Europa?  L’ideale dell’unità europea e il suo rilancio di fronte alle difficoltà e alle nuove destre   Saranno presenti: il prof. Donald Sassoon, Queen Mary, University of London; la Prof.sa Lucia Serena Rossi, Università di Bologna;  il Presidente nazionale Anppia Mario Tempesta;   rappresentanti del Comune di Bologna e della Regione Emilia – Romagna. Comunicazione della dott.sa Simona Salustri, Università di Bologna Presiede il vice-presidente nazionale Anppia, Massimo Meliconi Sala Silentium, Vicolo Bolognetti 2, Venerdì 4 Novembre alle
Prosegue…

TUTTE LE NEWS

Addio a Carlo Azeglio Ciampi

16.09.2016

L’Anppia nazionale ricorda con profonda commozione il Presidente Emerito Carlo Azeglio Ciampi cui è legata da un forte sentimento di affetto e riconoscenza. Come ebbe infatti a scrivere, in una lettera di ringraziamento al Presidente Emerito Ciampi, l’allora

73 anni fa

25.07.2016

Cade oggi un anniversario che ha segnato la storia dell’Italia. La nostra memoria va a tutti coloro che fino a quei giorni, ma anche dopo, combatterono e soffrirono, e morirono, per una delle cause fondamentali dell’esistenza umana: la

In occasione del 73° anniversario della caduta del fascismo

21.07.2016

L’ANPPIA di Bologna organizza, in collaborazione con le massime autorità locali, le celebrazioni per il 73° anniversario della caduta del fascismo, realizzata il 25 luglio 1943 durante la riunione del famoso Gran Consiglio del fascismo. Lunedì 25 luglio

Viaggio della memoria in Spagna

11.07.2016

Nel mese di luglio del 1936 un gruppo di generali reazionari attuava un colpo di stato contro il governo della Repubblica spagnola, democraticamente eletto, per bloccare la sua coraggiosa politica di riforme. Il golpe falliva, ma i generali

REFERENDUM COSTITUZIONALE: I PERSEGUITATI POLITICI ANTIFASCISTI DICONO NO ALLO SCONTRO E INVITANO A RIPORTARE IL DIBATTITO ALLE QUESTIONI DI MERITO

23.06.2016

L’Anppia, l’Associazione unitaria che raccoglie i perseguitati politici antifascisti fondata da Pertini e Terracini, a fronte dell’importante appuntamento referendario del prossimo ottobre che interesserà le modifiche apportate alla seconda parte della Costituzione, in particolare al funzionamento delle Camere

vai a pagina 12345678910...»