MENU LOGIN
NEWS
28.09.2015

ADDIO A LUCIA OTTOBRINI, UNA VERA ANTIFASCISTA

di ANPPIA Nazionale

Con il marito e compagno di una vita Mario Fiorentini, sono stati tra gli antifascisti e partigiani più attivi a Roma durante l'occupazione nazista


Figlia di una famiglia di emigranti molisani, Lucia Ottobrini, non ancora ventenne inizia la sua attività di partigiana a Roma al fianco di quello che diventerà poi suo marito, Mario Fiorentini, nel gruppo di azione patriottica Gramsci.

Alsaziana, l’infanzia passata con la sua numerosa famiglia, nella cittadina di Mulhouse fino al 1939 quando torna in Italia. Parla francese e tedesco e usa questa sua conoscenza per le azioni partigiane. Per questo, racconta il marito, “era la gappista più odiata da Kappler che cercava per tutta Roma la partigiana Maria (questo il suo nome di battaglia ndr.)”. La scelta di entrare nei gap è dovuta anche all’incontro con Fiorentini. “”Quando mia madre ha saputo che ero contro i tedeschi mi ha picchiata e mi ha buttata fuori di casa. Lavorava in un ospedale per i tedeschi. Amava gli alsaziani”.

Lucia partecipa a numerose azioni e lavora con Fiorentini all’attacco di via Rasella. “Uno dei nostri rimpianti – racconterà poi in proposito a un giornale francese – fu di non aver saputo trasformare il dolore lancinante del popolo dopo il massacro delle Fosse Ardeatine in uno slancio di rivolta verso coloro che furono i veri responsabili”.

Più schiva del marito torna indietro con la mente con dolore al periodo della Resistenza. “Non amo ricordare queste storie – sottolinea – perchè sono troppo brutte, mi fanno ancora male”. E ancora: “Per me quel periodo è stata la parte più brutta della mia vita. La guerra è morte, per l’uno e per l’altro. Io – dice ancora – tutto sommato sono stata fortunata perchè dovunque sono stata ho trovato sempre bravissima gente. E’ da non credere”.

Il giorno della Liberazione era a Roma. La libertà per lei equivale all’onestà. “La libertà? – scandice – Bisogna essere onesti. Non si può vivere nel contrario delle cose. Assolutamente no. Bisogna lottare per le cose giuste. Non si può farlo o perchè si è pagati o per una cosa o per l’altra. Bisogna essere onesti”


Torna alle News

TUTTE LE NEWS

On Line “l’antifascista” Maggio – Giugno 2015!

29.07.2015

n questo numero de “l’antifascista”, la situazione complicata di Roma, capitale in mano a criminalità, corruzione, con molte infiltrazioni dell’estrema destra sovversiva. Ferrari scrive delle allarmanti derive populiste che hanno ottenuto purtroppo consenso nelle ultime elezioni locali. Tognoli descrive

La Buona Scuola. L’ANPPIA di Livorno apre il dibattito su un tema importante per la nostra associazione

22.05.2015

Una buona scuola davvero…   Per una buona scuola davvero gli elementi cardine del decreto legislativo proposto sulla scuola hanno avuto un impatto positivo sull’opinione pubblica in generale, perché apparentemente si parla di temi che sono da anni

Cordoglio della Corte Suprema di Cassazione per la scomparsa di Garibaldo Benifei

25.04.2015

Corte Suprema di Cassazione Il Primo Presidente Nella ricorrenza del 25 Aprile, giorno della Liberazione, e nel ricordo della intensa testimonianza resa da Garibaldo Benifei nella giornata dedicata nello scorso novembre dalla Corte di cassazione alla rievocazione della

Dignità, Libertà, Eguaglianza! Questo è il 25 Aprile!

25.04.2015

Settant’anni sono passati. Il 25 aprile deve essere sempre più la Festa civile e laica della nostra nazione, della nostra democrazia. Libertà, Dignità, Eguaglianza. Il ricordo di tutti quelli che si sono sacrificati negli anni bui della dittatura

ADDIO GARIBALDO!

24.04.2015

Ci ha lasciato questa mattina alle 11 e 30, alla vigilia del 70° della Liberazione, Garibaldo Benifei, antifascista, perseguitato politico, partigiano. La famiglia Benifei viveva a Campiglia ma nel 1922 fu costretta dai fascisti a fuggire a Livorno.

E’ scomparso uno degli ultimi perseguitati politici. Addio a Goffredo Vignozzi, antifascista di Vinci

15.04.2015

L’ANPPIA Nazionale da con dolore la notizia della scomparsa di un suo grande socio, Goffredo Vignozzi, di Vinca (FI), attivo nella Federazione dell’ANPPIA di Empoli. Goffredo è stato uno degli ultimi perseguitati politici ancora in vita, un esempio

On line “l’antifascista” Gennaio-Febbraio 2015 !

08.04.2015

In questo numero de “l’antifascista” un analisi sul nuovo Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, l’intervista a Ines Figini, deportata e soppravissuta, e vari articoli dedicati al Giorno della Memoria, sul Campo di Fossoli. Ricordo dell’Albergo Regina, macelleria nazi-fascista a

Fosse Ardeatine: storia infinita

23.03.2015

L’ANPPIA di Roma ha organizzato, in occasione della ricorrenza della strage nazi-fascista delle Fosse Ardeatine, l’incontro: FOSSE ARDEATINE: STORIA INFINITA Interverranno: Guido Albertelli Presidente dell’ANPPIA Nazionale che introdurrà l’incontro, Claudio Fano Presidente dell’ANPPIA di Roma che coordinerà i

Flexus in concerto: “This land is your land”

12.03.2015

Lunedì 16 marzo 2015 alle ore 21,00 saliranno sul palco del Teatro Camploy di Verona i Flexus con il loro concerto “This land is your land – voci di terre, uomini, speranze e libertà”. Da oltre dieci anni

#MaiConSalvini

26.02.2015

COMUNICATO STAMPA Le Associazioni della Resistenza, Anpi, Anppia e Fiap di Roma, esprimono forte preoccupazione per la manifestazione prevista per sabato prossimo a Roma in piazza del Popolo, promosso dalla Lega Nord con l’inquietante partecipazione di Casa Pound.

Addio a Claudio Cianca, antifascista e perseguitato politico

23.02.2015

“E’ morto un leone, al quale eravamo teneramente affezionati, per il suo stretto legame con l’ANPPIA, e anche per quello che ha fatto per i lavoratori del mondo edile, per la sua strenua lotta contro i palazzinari romani e

La mostra gli “Schiavi di Hitler” a Sarzana dal 14 al 25 Febbraio 2015

13.02.2015

Dal 14 al 23 febbraio si terrà a Sarzana la mostra “Schiavi di Hitler. La resistenza degli internati militari italiani e il lavoro forzato“, organizzata da ANPI, ANPPIA, CGIL, ARCI. La mostra, a ingresso gratuito, parla attraverso racconti,

On line “l’antifascista” di Novembre-Dicembre 2014!

05.02.2015

In questo numero un’intervista alla giornalista Lilly Gruber, che parla del suo ultimo libro “Tempesta”, e della vita nella sua famiglia dopo la Grande Guerra, le sofferenze in Sud Tirolo con l’avvento del fascismo, e le limitazioni della