MENU LOGIN
NEWS
12.03.2015

Flexus in concerto: “This land is your land”

di ANPPIA Nazionale

Lunedì 16 marzo l'ANPPIA di Verona presenta il concerto dei Flexus al Teatro Camploy di Verona


Lunedì 16 marzo 2015 alle ore 21,00 saliranno sul palco del Teatro Camploy di Verona i Flexus con il loro concerto “This land is your land – voci di terre, uomini, speranze e libertà”.

Da oltre dieci anni i Flexus cavalcano la scena musicale con il loro personale rock d’autore. La band di Carpi ha all’attivo quattro album, centinaia di concerti in Italia e all’estero e frequenti collaborazioni con molte realtà del teatro indipendente italiano.

Nel 2011 esce “Satelliti inversi”: un album di brani originali in sospeso tra sonorità acustiche che sfiorano tango e milonga, e venature di rock passionale dal taglio profondamente autobiografico. Il disco è anticipato dal videoclip di “O, rage!” seguito dopo pochi mesi da “Se otto ore”: brano frutto della collaborazione con Il Coro delle Mondine di Novi.

Con il brano “Satelliti inversi” sono finalisti a Musicultura 2013 e ospiti del Club Tenco. Vengono inoltre inviati come opening act di Joan As Police Woman e Modena City Ramblers e ospiti del “Roxy bar” di Red Ronnie.

Nel 2010 vengono prodotti due album: “Il conformista”: dedicato al repertorio di Giorgio Gaber e il disco dal vivo “Flexus e il Coro delle Mondine di Novi cantano De André”: ambizioso progetto che li vede protagonisti insieme alle mondine di una lunga serie di concerti nel nord Italia.

In ambito teatrale collaborano con Ottavia Piccolo, Roberta Biagiarelli, Paola Pitagora, Ivana Monti, Stefano Cenci, Alessia Canducci e gli scrittori Flavio Soriga e Chiara Carminati.

L’ANPPIA di Verona presenta il concerto di Flexus. In apertura ci sarà il saluto del Segretario Generale Mario Tempesta, che porterà un messaggio dell’ANPPIA Nazionale.

Quest’anno i Flexus portano in tour il concerto “This land is your land”: dalle parole di una canzone del 1940 del songwriter americano Woody Guthrie nasce il titolo in cui la band racconta il rapporto tra gli uomini e le proprie terre. Un viaggio in musica che affianca i nuovi brani della band a un secolo di canzoni di “terre e libertà”. Dal Messico a Cuba, dall’Irlanda al Sud Africa, dai Balcani alla Spagna, fino a giugnere all’Italia. Luoghi, lingue e tempi diversi che hanno una sola voce: quella dell’uomo che canta la sua terra, dell’emigrante costretto ad abbandonare la sua casa, dell’oppresso che lotta sotto l’occupazione. Resistenze sempre antiche e sempre attuali che diventano canto di lotta, di gioia, di speranza.

Alla formazione classica dei Flexus composta da Gianluca Magnani (voce e chitarre), Daniele Brignone (basso) e Enrico Sartori (batteria e percussioni), si affiancano il virtuoso violino di Mario Sehtl (da Sarajevo), la suggestiva voce di Elisa Meschiari e il polistrumentista Enrico Pasini al pianoforte, tromba, flicorno e fisarmonica.

Il concerto parte dall’antica ballata “The foggy dew” che racconta un episodio delle lotte dell’indipendenza irlandese di inizio secolo per arrivare alla “Shosholoza” che Nelson Mandela cantava durante la sua prigionia fino a toccare una “Cielito lindo” completamente riarrangiata, simbolo dell’identificazione del popolo messicano e ginungere agli antichi ritmati canti degli scaricatori del porto di New York.

Ai brani tradizionali sono affiancate alcune nuove produzioni originali dei Flexus che creano ponti narrativi tra i brani del concerto, tratteggiando storie di singoli uomini e il rapporto con la terra da cui provengono. Un viaggio di musiche e parole lontane che raccontano fatti sempre più vicini, in un vortice di ritmi, lingue, suggestioni e speranze che vuole fondere pensiero e divertimento.


Torna alle News

TUTTE LE NEWS

#MaiConSalvini

26.02.2015

COMUNICATO STAMPA Le Associazioni della Resistenza, Anpi, Anppia e Fiap di Roma, esprimono forte preoccupazione per la manifestazione prevista per sabato prossimo a Roma in piazza del Popolo, promosso dalla Lega Nord con l’inquietante partecipazione di Casa Pound.

Addio a Claudio Cianca, antifascista e perseguitato politico

23.02.2015

“E’ morto un leone, al quale eravamo teneramente affezionati, per il suo stretto legame con l’ANPPIA, e anche per quello che ha fatto per i lavoratori del mondo edile, per la sua strenua lotta contro i palazzinari romani e

La mostra gli “Schiavi di Hitler” a Sarzana dal 14 al 25 Febbraio 2015

13.02.2015

Dal 14 al 23 febbraio si terrà a Sarzana la mostra “Schiavi di Hitler. La resistenza degli internati militari italiani e il lavoro forzato“, organizzata da ANPI, ANPPIA, CGIL, ARCI. La mostra, a ingresso gratuito, parla attraverso racconti,

On line “l’antifascista” di Novembre-Dicembre 2014!

05.02.2015

In questo numero un’intervista alla giornalista Lilly Gruber, che parla del suo ultimo libro “Tempesta”, e della vita nella sua famiglia dopo la Grande Guerra, le sofferenze in Sud Tirolo con l’avvento del fascismo, e le limitazioni della

Gli auguri dell’ANPPIA al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

02.02.2015

Al Presidente della Repubblica prof. Sergio Mattarella Palazzo del Quirinale   Illustre Presidente della Repubblica, Le porgo sentiti auguri per la sua nomina a Capo dello Stato. Con l’occasione La ringrazio con commozione per aver fatto come primo

L’ANPPIA per il Giorno della Memoria ricorda il sindaco antifascista Arnaldo Terzi

27.01.2015

L’ANPPIA Nazionale come casa editrice ha deciso di pubblicare come primo libro di una collana di biografie storiche, quella sulla vita di Arnaldo Terzi, sindaco di Sarzana durante i tragici fatti del 21 luglio del 1921. Un simbolo

“Antifascismi in Europa”

15.12.2014

Martedì 16 dicembre, dalle ore 10.00, presso la sala conferenze del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli studi Roma Tre, a Roma in via Ostiense 234, si terrà il convegno “Antifascismi in Europa”, organizzato dall’Associazione Nazionale Perseguitati Politici

On line “l’antifascista” di Settembre -Ottobre 2014!

04.12.2014

On line l’ultimo numero de “l’antifascista”, bimensile dell’ANPPIA Nazionale. Nel numero 8-9 del Settembre-Ottobre 2014 un’analisi dei nuovi fascismi, ritratti di figure storiche, iniziative editoriali, cultura, e società. Hanno collaborato a questo numero Saverio Ferrari con un articolo

A.R.S. – Art Resistance Shoah – Una mostra per raccontare la Resistenza cerca opere d’arte

16.11.2014

Arte per raccontare la Resistenza, e la storia dell’Italia. A Reggio Emilia l’Istituto Istoreco e l’ANPI si preparano a ricordare un anniversario importantissimo, il 70esimo dalla Liberazione, con una mostra di opere artistiche interamente dedicate alla Resistenza. E

Furto a Dachau: sparito il cancello con la scritta “Arbeit Macht Frei”

16.11.2014

Dopo la grande scritta sovrastante il cancello di ingresso del campo di Auschwitz, il cancelletto di Dachau. Ad attirare l’attenzione dei ladri, anche questa volta, è la scritta Arbeit Macht Frei, il lavoro rende liberi, che decine di

Il Tribunale Speciale per la Difesa dello Stato: braccio giudiziario del fascismo

14.11.2014

Ottantotto anni or sono, con la legge 25 novem-bre 1926, n. 2008 (intitolata “Provvedimenti per la difesa dello Stato”), il regime fascista, avvalendosi di un Parlamento asservito, istituiva il così denominato Tribunale Speciale per la Difesa dello Stato,

L’urlo contro il regime. Gli antifascisti italiani in Tunisia tra le due guerra

10.11.2014

L’ANPPIA nazionale è felice di aver contribuito alla pubblicazione del volume “L’urlo contro il regime. Gli antifascisti italiani in Tunisia tra le due guerre” (Carocci, Roma 2014) di Leila El Houssi, in cui per la prima volta si

On line il numero di Agosto-Luglio 2014 de “L’antifascista”!

03.10.2014

On line il numero di Luglio-Agosto 2014 de “L’antifascista”! In questo numero da segnalare un’inchiesta di Saverio Ferrari, “Curve pericolose”, sulla violenza e l’infiltrazione dell’estrema destra tra il tifo organizzato in Italia. Un problema che non è certamente