MENU LOGIN
NEWS
16.11.2014

Furto a Dachau: sparito il cancello con la scritta “Arbeit Macht Frei”

di ANPPIA Nazionale

La ferita aperta in uno dei primi campi di concentramento costruiti in Germania dai nazisti


Dopo la grande scritta sovrastante il cancello di ingresso del campo di Auschwitz, il cancelletto di Dachau. Ad attirare l’attenzione dei ladri, anche questa volta, è la scritta Arbeit Macht Frei, il lavoro rende liberi, che decine di migliaia di deportati da tutta Europa hanno visto all’ingresso nel campo. Il cancelletto è stato scardinato e rimosso nella notte, e ora la sua assenza, per la prima volta dopo 81 anni, segna anche visivamente la ferita inferta una volta di più alla memoria delle vittime dei Lager nazisti, alle decine di migliaia di uomini uccisi in questo luogo e ai pochi anziani superstiti che ancora non si sono stancati di testimoniare e di denunciare l’orrore del nazifascismo.

Aperto solo poche settimane dopo l’avvento di Hitler al potere, nel 1933, Dachau simboleggia la spietata repressione di ogni voce di dissenso realizzata dal nazismo fin dalle origini. Perché non è vero che nessuno in Germania si oppose all’avanzata della dittatura: centinaia di migliaia di tedeschi, uomini e di donne, furono percossi, imprigionati, deportati, torturati e spesso uccisi per avere levato la propria voce contro Hitler. E uno dei principali luoghi in cui questa repressione si materializzò fu proprio il campo di Dachau.
In questo luogo dal 1943 al 1945 furono deportati a migliaia anche gli italiani: è questo anzi il Lager dove gli italiani furono deportati in maggior numero. Erano in larghissima maggioranza persone colpevoli di essersi opposte al fascismo e di avere combattuto l’occupazione nazista del nostro paese.

Anche per questo il furto perpetrato in quanto rimane di questo luogo di sofferenza, di tortura e di morte ferisce e offende i superstiti del campo e i familiari dei deportati.
L’Associazione nazionale ex deportati nei campi nazisti si fa interprete di questo sentimento di sdegno, e chiede alle autorità tedesche di fare l’impossibile per recuperare quanto è stato rubato e di colpire con severità gli autori di questo  sfregio.
L’ANED non puo’ non rilevare che questo episodio richiama nuovamente all’attenzione delle autorità il tema della tutela e della salvaguardia di quanto rimane degli ex campi nazisti, alla vigilia delle manifestazioni per il 70* anniversario della liberazione, che inizieranno a gennaio ad Auschwitz, per concludersi a maggio a Mauthausen.
Gli ex Lager nazisti, per quanto rappresentano e per quanto insegnano anche al mondo di oggi, sono patrimonio dell’umanità. Troppi episodi di sfregio dicono che questi luoghi sono troppo poco tutelati e vigilati. E’ ora di fare di più e meglio: lo si deve alla memoria delle vittime, per consegnare questi luoghi anche alle future generazioni.

 

ANED – Associazione nazionale ex deportati nei campi nazisti


Torna alle News

TUTTE LE NEWS

Il Tribunale Speciale per la Difesa dello Stato: braccio giudiziario del fascismo

14.11.2014

Ottantotto anni or sono, con la legge 25 novem-bre 1926, n. 2008 (intitolata “Provvedimenti per la difesa dello Stato”), il regime fascista, avvalendosi di un Parlamento asservito, istituiva il così denominato Tribunale Speciale per la Difesa dello Stato,

L’urlo contro il regime. Gli antifascisti italiani in Tunisia tra le due guerra

10.11.2014

L’ANPPIA nazionale è felice di aver contribuito alla pubblicazione del volume “L’urlo contro il regime. Gli antifascisti italiani in Tunisia tra le due guerre” (Carocci, Roma 2014) di Leila El Houssi, in cui per la prima volta si

On line il numero di Agosto-Luglio 2014 de “L’antifascista”!

03.10.2014

On line il numero di Luglio-Agosto 2014 de “L’antifascista”! In questo numero da segnalare un’inchiesta di Saverio Ferrari, “Curve pericolose”, sulla violenza e l’infiltrazione dell’estrema destra tra il tifo organizzato in Italia. Un problema che non è certamente

Qualche volta Roma ha un cuore piccolo

28.09.2014

E così alla fine le ceneri di Carla e di Rosario sono in fondo al Tevere. Dopo questa vicenda laggiù non ci sono solo le ceneri dei due partigiani, ma ci sono anche quelle di uno spirito di

Le ceneri dei partigiani Capponi e Bentivegna disperse nel Tevere

23.09.2014

Le parole di grande rammarico del Presidente dell’ANPI Provinciale di Roma Ernesto Nassi, alle quali l’ANPPIA Nazionale si associa fermamente. Una sconfitta per gli antifascisti e i democratici di questo paese, che non hanno potuto evitare un epilogo

Cassazione: il saluto romano resta reato se con cori razzisti o per il fascismo

15.09.2014

Va condannato chi fa il saluto romano, inneggiando al razzismo e al fascismo. Lo ha deciso la sesta sezione penale della Cassazione, confermando la pena inflitta dalla Corte d’appello di Firenze a Lorenzo F., un 50enne toscano che,

E’ morto Franco Iaschi, antifascista di Parma

03.09.2014

Il primo settembre, dopo una lunga malattia, si è spento Franco Iaschi, figura di riferimento del comunismo e dell’antifascismo parmigiano. Nel 1994 al Premio Sant’Ilario fu insignito dal Comune di Parma della Medaglia d’oro per il suo impegno

E’ morto Giacomo Masi, ultimo perseguitato politico bolognese

06.08.2014

L’ANPPIA Nazionale saluta uno degli ultimi perseguitati politici italiani. Per la memoria di questi uomini, primi e ultimi oppositori del regime fascista, la nostra associazione continuerà il suo lavoro di diffusione e salvaguardia della lotta antifascista italiana. Di

On-line il numero di Maggio-Giugno 2014 de “L’antifascista”!

28.07.2014

E’ on-line il nuovo numero de “L’antifascista”, quello di maggio-giugno del 2014. Ci scusiamo con i lettori del ritardo dell’uscita di questo numero, dovuto al cambio di direzione del giornale i corsa, causa le dimissioni della direttrice precedente,

Il 25 luglio del 1943 ricordato dall’ANPPIA di Livorno

23.07.2014

L’Associazione Nazionale Perseguitati Politici Italiani Antifascisti in collaborazione con il Cinema Arena Villa Fabbricotti e con il Patrocinio del Comune e della Provincia di Livorno In occasione del 71° anniversario della caduta del fascismo INVITA LA CITTADINANZA il

21 luglio 1921: i “Fatti di Sarzana”

22.07.2014

All’alba del 21 luglio 1921, nella città di Sarzana, all’epoca in Provincia di Genova e attualmente in Provincia della Spezia, giunse una colonna di circa 300 squadristi comandati da Amerigo Dumini per scarcerare alcuni fascisti custoditi nelle celle

Il 3 giugno di settant’anni fa veniva ucciso Bruno Buozzi

23.06.2014

«Della schiera degli organizzatori sindacali di prima del fascismo, — ha scritto Fernan¬do Santi — tutti usciti dalla feconda scuola della fabbrica, Buozzi è indubbiamente quel¬lo che più di ogni altro rappresenta il tipo dell’operaio italiano dei primi

Gli Eleati. Il filosofo antifascista Pilo Albertelli

18.06.2014

Oggi pomeriggio in Sala Zuccari, a Palazzo Giustiniani, sarà commemorato il Professore Pilo Albertelli, antifascista, partigiano, martire delle Fosse Ardeatine, alla presenza del Presidente del Senato Piero Grasso. Il 18 giugno 2014 – ore 17.00, In occasione dell’uscita