MENU LOGIN
NEWS
16.11.2014

A.R.S. – Art Resistance Shoah – Una mostra per raccontare la Resistenza cerca opere d’arte

di ANPPIA Nazionale

Nel cammino che porterà a celebrare il 70esimo anniversario della Liberazione


Arte per raccontare la Resistenza, e la storia dell’Italia. A Reggio Emilia l’Istituto Istoreco e l’ANPI si preparano a ricordare un anniversario importantissimo, il 70esimo dalla Liberazione, con una mostra di opere artistiche interamente dedicate alla Resistenza. E per farlo, chiedono aiuto al territorio, alle famiglie, agli enti, a tutte le realtà che operano con l’arte e con la memoria. A Reggio come in tutto il territorio nazionale.

A seguire direttamente questo progetto vi è il percorso A.R.S. – Art Resistance Shoah dedicato alle arti visive nella memoria storica, coordinato da due storici dell’arte di Istoreco, Elisabetta Del Monte e Salvatore Trapani. Già negli anni passati sono state realizzate iniziative in questo senso e ora si vuole allargare il raggio di azione, con una mostra sulla Resistenza, che verrà allestita a Reggio, dal marzo all’aprile 2015, e poi a Correggio, dall’aprile al maggio 2015. La mostra avrà più sezioni perché il taglio scientifico, pensato dai nostri curatori, richiede differenti punti di vista specie in un anno di commemorazione speciale, il 2015.

Una base di partenza esiste già, fornita dalla ricca collezione di opere “partigiane” di ANPI Reggio Emilia, risalenti agli anni della Guerra e del primissimo dopoguerra, e alle opere in possesso di Istoreco. Molti lavori sono testimonianza diretta di quel cruciale periodo storico: infatti gli stessi partigiani nel vivo solco del ricordo, con arte e cultura contribuirono a diffondere in forme estetiche l’ideale di un paese coraggioso, libero, democratico e aperto, imponendosi con un ruolo ben preciso, per la nascita della Repubblica Italiana.

Ora però si vuole allargare alla ricerca a collezioni private mai esibite, sia per ampliare la quantità e la qualità di opere disponibili sia, soprattutto, per donare visibilità a realizzazioni artistiche di grande valore morale, realizzate “privatamente” negli anni dopo la guerra e custodite in casa, tramandate di generazione in generazione. Un simbolo forte del legame reggiano con la propria storia, che merita di essere pubblicizzato e valorizzato a dovere.

A.R.S. – Art Resistance Shoah, Istoreco e ANPI si rivolgono dunque agli abitanti reggiani, alle famiglie, perché segnalino e se possibile mettano a disposizione queste opere, presenti in gran numero. Tutte le opere prestate saranno trattate con estrema cura, rispetto e rese ai legittimi proprietari a chiusura d’esposizione. La ricerca è già partita sui social network, e i curatori sono a disposizione per qualsiasi chiarimento.
L’invito è quello di visitare la pagina Facebook https://www.facebook.com/ARS.Art.Resistance.Shoah e il sito www.istoreco.re.it, e di scrivere a artresistanceshoah@gmail.com.

“Vi chiediamo di aiutarci in questa ricerca di opere, sculture, immagini; di allertare la vostra rete di conoscenze, per aiutarci a dare luce e onore a opere che altrimenti continueranno a restare tra mura private, nascoste a quel vasto pubblico, che invece meriterebbero e che vogliamo rendergli; come simboli del bene comune che i nostri stessi partigiani hanno contribuito a donarci: la Libertà”, spiegano Elisabetta Del Monte e Salvatore Trapani. “Ripopoleremo così quel bacino di memorie che ci apprestiamo a onorare nel 70esimo anniversario della Liberazione, con questa mostra destinata a diventare – anche grazie al tuo aiuto – un grande momento nel flusso del ricordo”.


Torna alle News

TUTTE LE NEWS

Furto a Dachau: sparito il cancello con la scritta “Arbeit Macht Frei”

16.11.2014

Dopo la grande scritta sovrastante il cancello di ingresso del campo di Auschwitz, il cancelletto di Dachau. Ad attirare l’attenzione dei ladri, anche questa volta, è la scritta Arbeit Macht Frei, il lavoro rende liberi, che decine di

Il Tribunale Speciale per la Difesa dello Stato: braccio giudiziario del fascismo

14.11.2014

Ottantotto anni or sono, con la legge 25 novem-bre 1926, n. 2008 (intitolata “Provvedimenti per la difesa dello Stato”), il regime fascista, avvalendosi di un Parlamento asservito, istituiva il così denominato Tribunale Speciale per la Difesa dello Stato,

L’urlo contro il regime. Gli antifascisti italiani in Tunisia tra le due guerra

10.11.2014

L’ANPPIA nazionale è felice di aver contribuito alla pubblicazione del volume “L’urlo contro il regime. Gli antifascisti italiani in Tunisia tra le due guerre” (Carocci, Roma 2014) di Leila El Houssi, in cui per la prima volta si

On line il numero di Agosto-Luglio 2014 de “L’antifascista”!

03.10.2014

On line il numero di Luglio-Agosto 2014 de “L’antifascista”! In questo numero da segnalare un’inchiesta di Saverio Ferrari, “Curve pericolose”, sulla violenza e l’infiltrazione dell’estrema destra tra il tifo organizzato in Italia. Un problema che non è certamente

Qualche volta Roma ha un cuore piccolo

28.09.2014

E così alla fine le ceneri di Carla e di Rosario sono in fondo al Tevere. Dopo questa vicenda laggiù non ci sono solo le ceneri dei due partigiani, ma ci sono anche quelle di uno spirito di

Le ceneri dei partigiani Capponi e Bentivegna disperse nel Tevere

23.09.2014

Le parole di grande rammarico del Presidente dell’ANPI Provinciale di Roma Ernesto Nassi, alle quali l’ANPPIA Nazionale si associa fermamente. Una sconfitta per gli antifascisti e i democratici di questo paese, che non hanno potuto evitare un epilogo

Cassazione: il saluto romano resta reato se con cori razzisti o per il fascismo

15.09.2014

Va condannato chi fa il saluto romano, inneggiando al razzismo e al fascismo. Lo ha deciso la sesta sezione penale della Cassazione, confermando la pena inflitta dalla Corte d’appello di Firenze a Lorenzo F., un 50enne toscano che,

E’ morto Franco Iaschi, antifascista di Parma

03.09.2014

Il primo settembre, dopo una lunga malattia, si è spento Franco Iaschi, figura di riferimento del comunismo e dell’antifascismo parmigiano. Nel 1994 al Premio Sant’Ilario fu insignito dal Comune di Parma della Medaglia d’oro per il suo impegno

E’ morto Giacomo Masi, ultimo perseguitato politico bolognese

06.08.2014

L’ANPPIA Nazionale saluta uno degli ultimi perseguitati politici italiani. Per la memoria di questi uomini, primi e ultimi oppositori del regime fascista, la nostra associazione continuerà il suo lavoro di diffusione e salvaguardia della lotta antifascista italiana. Di

On-line il numero di Maggio-Giugno 2014 de “L’antifascista”!

28.07.2014

E’ on-line il nuovo numero de “L’antifascista”, quello di maggio-giugno del 2014. Ci scusiamo con i lettori del ritardo dell’uscita di questo numero, dovuto al cambio di direzione del giornale i corsa, causa le dimissioni della direttrice precedente,

Il 25 luglio del 1943 ricordato dall’ANPPIA di Livorno

23.07.2014

L’Associazione Nazionale Perseguitati Politici Italiani Antifascisti in collaborazione con il Cinema Arena Villa Fabbricotti e con il Patrocinio del Comune e della Provincia di Livorno In occasione del 71° anniversario della caduta del fascismo INVITA LA CITTADINANZA il

21 luglio 1921: i “Fatti di Sarzana”

22.07.2014

All’alba del 21 luglio 1921, nella città di Sarzana, all’epoca in Provincia di Genova e attualmente in Provincia della Spezia, giunse una colonna di circa 300 squadristi comandati da Amerigo Dumini per scarcerare alcuni fascisti custoditi nelle celle

Il 3 giugno di settant’anni fa veniva ucciso Bruno Buozzi

23.06.2014

«Della schiera degli organizzatori sindacali di prima del fascismo, — ha scritto Fernan¬do Santi — tutti usciti dalla feconda scuola della fabbrica, Buozzi è indubbiamente quel¬lo che più di ogni altro rappresenta il tipo dell’operaio italiano dei primi