MENU LOGIN
NEWS
23.09.2014

Le ceneri dei partigiani Capponi e Bentivegna disperse nel Tevere

di ANPPIA Nazionale

La figlia Elena disperde le loro ceneri nel Tevere. Un dolore profondo per la memoria di tutti gli antifascisti.


Le parole di grande rammarico del Presidente dell’ANPI Provinciale di Roma Ernesto Nassi, alle quali l’ANPPIA Nazionale si associa fermamente. Una sconfitta per gli antifascisti e i democratici di questo paese, che non hanno potuto evitare un epilogo non degno del ricordo di queste due figure eccezionali della storia d’Italia.

Le ceneri dei partigiani Capponi e Bentivegna disperse nel Tevere.
Dolore e rammarico per la conclusione di questa vicenda, una macchia nera della democrazia che dimostra la volontà di dimenticare due antifascisti simbolo dell’Italia che ha voluto la libertà e non ha ceduto a fascismo e nazismo.

Carla Capponi e Rosario Bentivegna, eroi della Resistenza romana, combattenti contro il nazifascismo, hanno attraversato oggi Roma per l’ultima volta, trasportati dalle acque del Tevere, la loro ultima dimora. La amata figlia Elena, infatti, non avendo ottenuto di seppellirli in 80 centimetri di terra nel Cimitero Acattolico come desiderato dai genitori, ha rispettato la loro volontà di avere disperse le proprie ceneri, come seconda ipotesi, nel fiume sacro ai romani, diventato la loro tomba. Chiunque potrà portare dei fiori di campo, i preferiti da Carla, in ogni parte del fiume.

Lunedì 22 settembre 2014 entra di diritto nella storia della Resistenza Romana, al pari delle date storiche della lotta al nazifascismo, non di certo per un’azione dei GAP ma, purtroppo, come “giorno dell’ abbandono” riferito ai due partigiani, pluridecorati, che a Roma e per Roma hanno combattuto duramente contro i tedeschi, partecipando a molte azioni significative. La loro storia è nella Storia della Resistenza Romana e non solo, una storia dove hanno dato tutto di se stessi, mettendo molte volte a rischio la vita, senza nulla chiedere, avevano un solo desiderio, una volta morti, riposare le loro ceneri nel Cimitero Acattolico, all’ombra della Piramide di Porta San Paolo, dove hanno combattuto per la Difesa di Roma. Purtroppo, la soluzione del Tevere, è stata una soluzione gradita a molti: in primis ai 14 Ambasciatori che gestiscono il Cimitero Acattolico (neanche le Ambasciate che hanno decorato i due gappisti sono intervenute a loro favore); poi alla direzione del cimitero che non ha voluto sentire ragioni, nonostante i tanti cattolici italiani sepolti, anche recentemente, senza il minimo rispetto per il Paese e la sua Capitale che ospita il cimitero, dimentichi del contributo dato dai partigiani italiani contro il comune nemico nazifascista.

Da alcuni mi aspettavo un impegno forte e convinto per rispettare il desiderio di due eroi nazionali. Come lo aspettavo dagli antifascisti eredi del PCI, di cui Carla è stata deputata; e della CGIL, dove Rosario ha collaborato come medico del lavoro; ma anche più impegno da altre associazioni e partiti, ANPI compresa. Tutti hanno fatto sentire la loro voce timidamente e non come meritavano delle medaglie d’Oro e d’Argento della Resistenza italiana.

Ecco perché ritengo questo il “giorno del abbandono”, dal momento che non ci sono state spinte democratiche per cambiare la “decisione irrevocabile” (non sempre) dei gestori del cimitero. Capisco la difficoltà ad accettare “Queste ceneri”, … sono pesanti, e quindi va rispettato lo statuto che regola l’attività del cimitero. Quello che trovo rigido è “l’ottusità burocratica” che non tiene conto dei sentimenti dei romani.

Come Presidente dell’ ANPI Provinciale di Roma, esprimo il dolore e il rammarico dei partigiani e degli iscritti alla associazione per come si è conclusa la vicenda che riteniamo “una macchia nera della democrazia” e dimostra la volontà di dimenticare due “antifascisti veri”, simbolo di una Italia che ha voluto la libertà e che non ha ceduto a fascismo e nazismo.

Spero per il futuro che non venga in mente a nessuno di ricordarli con ipocrite cerimonie e chiacchiere di circostanza. A ricordare loro e tutti i caduti della Resistenza è sempre compito dell’ANPI e delle associazioni della Resistenza.

Ernesto Nassi, Presidente Anpi Provinciale di Roma


Torna alle News

TUTTE LE NEWS

Cassazione: il saluto romano resta reato se con cori razzisti o per il fascismo

15.09.2014

Va condannato chi fa il saluto romano, inneggiando al razzismo e al fascismo. Lo ha deciso la sesta sezione penale della Cassazione, confermando la pena inflitta dalla Corte d’appello di Firenze a Lorenzo F., un 50enne toscano che,

E’ morto Franco Iaschi, antifascista di Parma

03.09.2014

Il primo settembre, dopo una lunga malattia, si è spento Franco Iaschi, figura di riferimento del comunismo e dell’antifascismo parmigiano. Nel 1994 al Premio Sant’Ilario fu insignito dal Comune di Parma della Medaglia d’oro per il suo impegno

E’ morto Giacomo Masi, ultimo perseguitato politico bolognese

06.08.2014

L’ANPPIA Nazionale saluta uno degli ultimi perseguitati politici italiani. Per la memoria di questi uomini, primi e ultimi oppositori del regime fascista, la nostra associazione continuerà il suo lavoro di diffusione e salvaguardia della lotta antifascista italiana. Di

On-line il numero di Maggio-Giugno 2014 de “L’antifascista”!

28.07.2014

E’ on-line il nuovo numero de “L’antifascista”, quello di maggio-giugno del 2014. Ci scusiamo con i lettori del ritardo dell’uscita di questo numero, dovuto al cambio di direzione del giornale i corsa, causa le dimissioni della direttrice precedente,

Il 25 luglio del 1943 ricordato dall’ANPPIA di Livorno

23.07.2014

L’Associazione Nazionale Perseguitati Politici Italiani Antifascisti in collaborazione con il Cinema Arena Villa Fabbricotti e con il Patrocinio del Comune e della Provincia di Livorno In occasione del 71° anniversario della caduta del fascismo INVITA LA CITTADINANZA il

21 luglio 1921: i “Fatti di Sarzana”

22.07.2014

All’alba del 21 luglio 1921, nella città di Sarzana, all’epoca in Provincia di Genova e attualmente in Provincia della Spezia, giunse una colonna di circa 300 squadristi comandati da Amerigo Dumini per scarcerare alcuni fascisti custoditi nelle celle

Il 3 giugno di settant’anni fa veniva ucciso Bruno Buozzi

23.06.2014

«Della schiera degli organizzatori sindacali di prima del fascismo, — ha scritto Fernan¬do Santi — tutti usciti dalla feconda scuola della fabbrica, Buozzi è indubbiamente quel¬lo che più di ogni altro rappresenta il tipo dell’operaio italiano dei primi

Gli Eleati. Il filosofo antifascista Pilo Albertelli

18.06.2014

Oggi pomeriggio in Sala Zuccari, a Palazzo Giustiniani, sarà commemorato il Professore Pilo Albertelli, antifascista, partigiano, martire delle Fosse Ardeatine, alla presenza del Presidente del Senato Piero Grasso. Il 18 giugno 2014 – ore 17.00, In occasione dell’uscita

La Festa della Repubblica e del primo vero referendum popolare

02.06.2014

Il 2 giugno non è solo la Festa della Repubblica, è il giorno che ricorda il primo grande Referendum libero dell’Italia antifascista. Un passaggio che ora sembra scontato, ma che solo settant’anni fa era una prima prova della

MEDIA EDUCATION CONTRO LA DISCRIMINAZIONE. BUONE PRATICHE IN EUROPA TRA SCUOLA ED ISTITUZIONI PUBBLICHE

30.05.2014

La conferenza mira a creare un forum per ricercatori, insegnanti, educatori, produttori di media e giovani con interessi per la Critical Media Education, l’impegno civico, il net-attivismo, l’educazione anti-razzista e le produzioni televisive. Organizzata grazie alla collaborazione tra

Solidarietà dell’ANPPIA alle Comunità Ebraiche europee

27.05.2014

L’ANPPIA, di fronte al delirante attacco omicida al Museo ebraico di Bruxelles, è più che mai vicina alla Comunità ebraica di Roma e a tutte le comunità ebraiche di Europa per le violente aggressioni chiaramente di natura antisemita.

Sessant’anni fa nasceva “L’antifascista”

21.05.2014

“L’antifascista” compie sessant’anni. Nato nel maggio del 1954 per volere di Sandro Pertini, primo direttore, ed Umberto Terracini, all’epoca Presidente dell’associazione, “L’antifascista” continua ancora oggi a diffondere la storia e i valori dell’antifascismo italiano ed europeo. Per quest’anno

On line il numero di Marzo-Aprile de “l’antifascista” !

12.05.2014

Per leggere “L’Antifascista” on line, occorre registrarsi al nostro sito. Si può richiedere anche l’abbonamento cartaceo. In questo numero, oltre al ricordo per la scomparsa del nostro amato Presidente Onorario Giulio Spallone, un editoriale sulle Fosse Ardeatine del