MENU LOGIN
NEWS
20.11.2013

Un incontro storico

di ANPPIA Nazionale

Guido Albertelli e Riccardo Di Segni insieme per la democrazia


Storico incontro nella sede dell’Anppia nazionale in Corsia Agonale, Roma.
Il presidente Guido Albertelli ha ricevuto la visita del Rabbino capo della Comunità ebraica di Roma, prof. Riccardo Di Segni, accompagnato dal vice presidente della Comunità, Giacomo Moscati, dal segretario generale Emanuele Di Porto, dal presidente della Fondazione Museo della Shoah, Leone Paserman e da Claudio Procaccia, direttore dell’Archivio Storico della Comunità ebraica romana. Presenti anche Giovanni Russo, firma eccellente dell’antifascista, Paolo Brogi del Corriere della Sera, gli storici Amedeo Osti Guerrazzi e Lauro Rossi, i tanti collaboratori dell’Associazione e del giornale.
Guido Albertelli, dopo un colloquio privato con l’illustre ospite, ha preso la parola per ricordare lo stretto legame che c’è tra l’Anppia e la Comunità ebraica: solo quest’anno sono 2200 le pratiche per il riconoscimento dei vitalizi a cittadini italiani di fede ebraica che l’Associazione ha espletato con la consueta dedizione.
Secondo Albertelli, Anppia e Comunità ebraica hanno di fronte un lungo cammino comune da percorrere per portare avanti la memoria nella difesa della democrazia e della libertà.
Proprio alludendo alla medesima grande pietra sotto la quale riposano antifascisti laici e cittadini di fede ebraica colpiti dalla barbarie nazifascista, il presidente dell’Anppia ha avuto un momento di profonda commozione. Un sentimento che l’interlocutore, l’illustre Rabbino, ha voluto condividere nella fraternità.
All’ospite, Albertelli ha ricordato il delicato e angoscioso momeneto che stiamo vivendo, da quando ci è giunta dalla Regione Lazio, proprietaria dell’immobile dove ha sede l’Associazione, la richiesta di versare un fitto esorbitante pari a 4100 euro mensili.
Nella sua risposta, Riccardo Di Segni si è dichiarato totalmente solidale con l’Associazione e partecipe del problema che ha definito “una vicenda triste e burocratica, che non è uno sfratto ma è come lo fosse”. Ha aggiunto: “il fatto che siamo qua serve appunto a sottolineare la nostra solidarietà”.
Guido Albertelli ha offerto alla guida spirituale della Comunità ebraica romana la tessera di Socio Onorario dell’Anppia che il rabbino ha accettato con gioia e l’incontro si è chiuso con il ricordo delle tante emergenze democratiche vissute dalla città, nell’impegno di un rinnovato sforzo per tutelare la memoria comune del tragico passato e sfidare l’aggressivo revanschismo neofascista.


Torna alle News

TUTTE LE NEWS

I Sovversivi. Vite riscoperte.

20.11.2013

La Federazione ANPPIA di Bologna, organizza per domani, giovedì 21 novembre, un convegno dal titolo “I Sovversivi. Vite riscoperte.Persecuzione e resistenza di antifascisti nel bolognese.” Si terrà in Sala Stefano Tassinari a Palazzo d’Accursio, Bologna. Il Programma: ore

FERMATEVI!!!

20.11.2013

FERMATEVI! Il disegno di legge costituzionale per l’istituzione del comitato parlamentare per le riforme costituzionali ed elettorali, trasmesso dal Senato alla Camera il 23 ottobre 2013 per l’ultima lettura, contraddice la lettera e lo spirito dell’articolo 138 della

Vittore Bocchetta Antifascista, deportato, artista

19.11.2013

Nella sede dell’ANPPIA, ANPI e IVrR , sala “Berto Perotti”, in via Cantarane 26, sabato 23 novembre 2013 alle ore 16.20 viene organizzato un incontro a chiusura dell’anno sociale 2013 in cui verrà festeggiato il 95° compleanno di

70° anniversario dell’ “Eccidio di Limmari”

18.11.2013

L’ANPPIA Nazionale, la Sezione ANPPIA de L’Aquila, e il Comune di Roccaraso organizzano un incontro per commemorare l’eccidio di Limmari, il 20 novembre alle 11 e 30 nella sala Consiliare di Roccaraso. “La zona in cui avvenne il

In libreria: “Le Repubbliche Partigiane”

15.11.2013

L’ANPPIA Nazionale ha fortemente contribuito alla pubblicazione di questo libro sulle Repubbliche partigiane. Nel 70esimo della Resistenza, ci è sembrato giusto impegnarci per la conoscenza di queste realtà storiche uniche e irripetibili, figlie della lotta antifascista e procreatrici

Azione della Polizia contro Stormfront, organizzazione neonazista

14.11.2013

Non si erano fermati neanche di fronte alle perquisizioni, agli arresti e all’oscuramento del loro sito. Quando, nel novembre del 2012, quattro moderatori e “motori” del forum neonazista Stormfront sono finiti in manette, i loro sodali si sono

L’ANPPIA Nazionale solidale con la comunità ebraica

10.11.2013

L’ANPPIA Nazionale esprime solidarietà e vicinanza alla Comunità Ebraica italiana, ritenendo le parole dell’ex Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi offensive e inopportune. Paragoni di questo tipo offendono la memoria dei 6 milioni di ebrei assassinati dai nazi-fascisti, il

Un’ operazione poco nobile.

06.11.2013

La situazione che sta vivendo l’ANPPIA in queste settimane risulta alquanto paradossale. L’associazione, fondata nel dopoguerra da Umberto Terracini e Sandro Pertini, guidata ora da Guido Albertelli, figlio del martire delle Fosse Ardeatine Pilo Albertelli, viene definita «abusiva in

On-line “l’antifascista”

30.10.2013

E’ on line l’ultimo numero de “L’ antifascista”. Per leggerlo gratuitamente sul sito dell’ANPPIA, bisogna registrarsi. Con la registrazione al sito si potrà in futuro accedere anche a parti dell’archivio che saranno inserite solo per gli utenti, e

Novantacinque anni dalla nascita di Pietro Amendola.

26.10.2013

Ieri, 25 ottobre, a Montecitorio, è stato presentato il libro di Alfredo Capone intitolato a Giovanni Amendola. Mentre ascoltavo, nella platea, sfogliando le pagine della corposa biografia, il ritratto in copertina di mio nonno con gli occhi cerchiati

E dopo le Fosse Ardeatine Erich Priebke andò a terrorizzare il bresciano.

25.10.2013

LA STORIA. Il «boia delle Fosse Ardeatine» rimase qui a lungo. In molti, soprattutto detenuti a Canton Mombello, subirono per ordine suo pestaggi e torture. Il ricordo di Agape Nulli: «Un ufficiale alto, elegante, dal tratto freddo e

Il boia di mio padre

16.10.2013

È morto un infame, perché solo così può essere definito un individuo come Erich Priebke che, dopo aver anche direttamente partecipato all’eccidio di 335 persone, non solo non ha mai avuto, durante tutti i lunghi anni che sono

16 Ottobre 1943

16.10.2013

(tratto da ” 16 ottobre 1943″ di Giacomo Debenedetti, Einauidi Edizioni, 2001)   “La razzia si protrasse fino verso le 13. Quando fu la fine, per le vie del Ghetto non si vedeva più anima, vi regnava la