MENU LOGIN
NEWS
20.11.2013

I Sovversivi. Vite riscoperte.

di ANPPIA Nazionale

Persecuzione e resistenza di antifascisti nel bolognese.


La Federazione ANPPIA di Bologna, organizza per domani, giovedì 21 novembre, un convegno dal titolo “I Sovversivi. Vite riscoperte.Persecuzione e resistenza di antifascisti nel bolognese.”
Si terrà in Sala Stefano Tassinari a Palazzo d’Accursio, Bologna.

Il Programma:

ore 16 e 30 Cortile d’onore di Palazzo d’Accursio:
deposizione di una corona alla lapide che ricorda i fatti di Palazzo d’Accursio del 21 novembre 1921.

ore 17 Sala Stefano Tassinari:
Coordina Massimo Meliconi (presidente ANPPIA Bologna)

saluti della Provincia e del Comune di Bologna

saluto di Stefano Vitali (soprintendente archivistico per l’Emila Romagna)

Luciano Casali (Università di Bologna), introduzione

Roberta Mira (Università di Bologna), Sovversivismo, casellario politico, tribunale speciale. Percorsi di donne bolognesi.

Mauro Maggiorani (Università di Bologna), La persecuzione nel bolognese sotto il fascismo: una riflessione a partire da alcune storie individuali.

Seguirà dibattito.

In collaborazione con l’Associazione Percorsi storici.

La strage di Palazzo d’Accursio, avvenuta il 21 novembre 1920 a Bologna, fu la conseguenza degli scontri che si scatenarono in Piazza Maggiore tra squadristi, Guardie Rosse e Guardie Regie, durante i festeggiamenti per l’insediamento della nuova Giunta comunale presieduta dal socialista massimalista Ennio Gnudi. Tra i sostenitori socialisti, furono uccise dieci persone che si erano rifugiate nel cortile del palazzo, dove furono colpite sia dai colpi di arma da fuoco delle Guardie Regie e dei fascisti, sia dalle bombe a mano che vennero lanciate dalle finestre del palazzo dalle Guardie Rosse che scambiarono la folla in cerca di rifugio per fascisti. All’interno della sala del consiglio fu ucciso il consigliere liberale Giulio Giordani, del cui omicidio vennero accusati i socialisti (l’autore materiale di tale omicidio non fu mai identificato, ma vennero punite complicità), il consiglio comunale fu sciolto e l’amministrazione retta da un commissario prefettizio.
Proprio l’insediamento della nuova giunta fu la causa scatenante dell’azione dei fascisti, che non intendevano tollerare l’esposizione della bandiera rossa al posto del Tricolore italiano sul palazzo comunale.
Il ruolo dei cordoni di forze dell’ordine che avrebbero dovuto separare le due fazioni, la parte che per prima aprì il fuoco e la sorte del consigliere Giulio Giordani sono tuttora oggetto di interpretazioni e ricostruzioni storiografiche diverse. Secondo lo storico Nazario Sauro Onofri la causa delle morti sarebbe controversa poiché – a parere dello storico – non fu mai stabilito con certezza se esse fossero da ricondursi alle bombe a mano lanciate dalle Guardie Rosse all’interno del Palazzo, oppure ai colpi di arma da fuoco sparati da fascisti e Guardia Regie all’esterno. L’elezione a sindaco di Bologna del socialista Ennio Gnudi venne preceduta dall’amministrazione del primo sindaco socialista della città Francesco Zanardi, appartenente alla corrente massimalista vicina alla posizione di Giacinto Menotti Serrati, che caldeggiava l’adesione del partito all’Internazionale Comunista[5] ed aveva contribuito a creare tensioni tra le classi del proletariato e quelle padronali, a causa di intenti ed interessi apertamente contrapposti. Il 14 ottobre i manifestanti intervenuti ad comizio tenuto da Errico Malatesta e dall’ex sindaco Francesco Zanardi in piazza Umberto I°, diedero vita a un corteo che giunto davanti al carcere cittadino tentò l’assalto. Nacquero scontri a fuoco con le guardie regie di presidio. Nello scontro rimasero uccisi i brigadieri Giuseppe Della Volpe e Salvatore Colamasi e quattro manifestanti tra cui un consigliere comunale socialista. Il giorno 16 ottobre, in occasione dei funerali dei due poliziotti, i fascisti devastarono una libreria gestita da socialisti, mentre il 19 ottobre i socialisti devastarono lo studio di Dino Grandi. Il 4 novembre, anniversario della Vittoria, un gruppo di ufficiali fu assalito dalle Guardie Rosse nei pressi della Camera del Lavoro. Uno degli ufficiali riportò ferite da arma da fuoco. Per rappresaglia i fascisti devastarono la Camera del Lavoro.
A questa situazione si aggiungeva la manifesta ostilità che i fascisti avevano espresso a seguito del risultato delle elezioni amministrative: in particolare, nei giorni precedenti, gli squadristi guidati da Leandro Arpinati, futuro podestà di Bologna, avevano espresso la volontà di boicottare la cerimonia di insediamento della Giunta ed allo scopo fecero affluire da Ferrara alcuni reparti di squadristi guidati da Olao Gaggioli, dichiarando che avrebbero in qualunque modo impedito ai socialisti “di issare il loro cencio rosso sul Palazzo Comunale”.
L’ordine pubblico presentava dunque un quadro di crescente pericolosità, che purtroppo si evidenziò in tutta la sua drammaticità il mattino del 21 novembre.
Fin dalle prime ore del mattino si ebbero avvisaglie di una giornata difficile, nonostante fossero state messe in atto dalla Questura del capoluogo misure al fine di evitare incidenti.
Una bandiera rossa fatta sventolare sulla Torre degli Asinelli scatenò la reazione delle squadre d’azione. La bandiera rossa fu rapidamente abbattuta dai fascisti[senza fonte] e, mentre all’interno della sala la cerimonia procedeva regolarmente, si ebbero i primi scontri. I fascisti, provenienti dalle vie Rizzoli ed Archiginnasio, tentarono di forzare il cordone predisposto dalla Guardia Regia intorno a Piazza Nettuno ed a Piazza Maggiore sparando i primi colpi di arma da fuoco: la grande massa dei presenti, presa dal panico, si diresse verso l’arco che dava accesso al cortile del Palazzo, ma la Guardie Rosse, temendo un assalto in massa da parte degli squadristi, chiusero il grande portone.
La strage si verificò con la deflagrazione di alcune bombe a mano, lanciate dall’interno del palazzo dalle Guardie Rosse, che provocarono la morte di dieci socialisti. Gli avvenimenti che si stavano svolgendo nella piazza ebbero gravi conseguenze anche all’interno della Sala Rossa, dove nel frattempo la cerimonia era stata sospesa: nel caos che si era andato formando le Guardie Rosse spararono all’indirizzo dei consiglieri comunali di minoranza, colpendo il consigliere Giulio Giordani, che morirà poco dopo, e ferendo l’avvocato Cesare Colliva e Biagi. Giulio Giordani sarà considerato il primo grande martire fascista.
« Rimessomi a sedere, udii immediatamente i primi spari nell’interno, cui seguirono due diversi movimenti: un primo di pezzi grossi che avevo dinanzi a me- quali Zanardi, Fovel ed altri- che scappavano carponi verso l’uscita laterale al banco del Sindaco, ed un secondo di consiglieri che si alzavano dai loro scanni ed avanzavano verso di noi, mentre dalle due porte laterali al banco del Sindaco sbucavano nell’aula e facevano ressa altri elementi estranei al Consiglio, che io avevo visto nelle antisale. Contro di noi si gridava:”Siete voi che ammazzate il popolo in piazza; vi faremo fare la stessa fine!”. Intanto venivano sparati contro di noi, da varie direzioni, simultaneamente, numerosi colpi di rivoltella. » Il totale delle vittime della strage di Palazzo d’Accursio ammontò alla fine della giornata ad 11 morti e 58 feriti.


Torna alle News

TUTTE LE NEWS

FERMATEVI!!!

20.11.2013

FERMATEVI! Il disegno di legge costituzionale per l’istituzione del comitato parlamentare per le riforme costituzionali ed elettorali, trasmesso dal Senato alla Camera il 23 ottobre 2013 per l’ultima lettura, contraddice la lettera e lo spirito dell’articolo 138 della

Vittore Bocchetta Antifascista, deportato, artista

19.11.2013

Nella sede dell’ANPPIA, ANPI e IVrR , sala “Berto Perotti”, in via Cantarane 26, sabato 23 novembre 2013 alle ore 16.20 viene organizzato un incontro a chiusura dell’anno sociale 2013 in cui verrà festeggiato il 95° compleanno di

70° anniversario dell’ “Eccidio di Limmari”

18.11.2013

L’ANPPIA Nazionale, la Sezione ANPPIA de L’Aquila, e il Comune di Roccaraso organizzano un incontro per commemorare l’eccidio di Limmari, il 20 novembre alle 11 e 30 nella sala Consiliare di Roccaraso. “La zona in cui avvenne il

In libreria: “Le Repubbliche Partigiane”

15.11.2013

L’ANPPIA Nazionale ha fortemente contribuito alla pubblicazione di questo libro sulle Repubbliche partigiane. Nel 70esimo della Resistenza, ci è sembrato giusto impegnarci per la conoscenza di queste realtà storiche uniche e irripetibili, figlie della lotta antifascista e procreatrici

Azione della Polizia contro Stormfront, organizzazione neonazista

14.11.2013

Non si erano fermati neanche di fronte alle perquisizioni, agli arresti e all’oscuramento del loro sito. Quando, nel novembre del 2012, quattro moderatori e “motori” del forum neonazista Stormfront sono finiti in manette, i loro sodali si sono

L’ANPPIA Nazionale solidale con la comunità ebraica

10.11.2013

L’ANPPIA Nazionale esprime solidarietà e vicinanza alla Comunità Ebraica italiana, ritenendo le parole dell’ex Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi offensive e inopportune. Paragoni di questo tipo offendono la memoria dei 6 milioni di ebrei assassinati dai nazi-fascisti, il

Un’ operazione poco nobile.

06.11.2013

La situazione che sta vivendo l’ANPPIA in queste settimane risulta alquanto paradossale. L’associazione, fondata nel dopoguerra da Umberto Terracini e Sandro Pertini, guidata ora da Guido Albertelli, figlio del martire delle Fosse Ardeatine Pilo Albertelli, viene definita «abusiva in

On-line “l’antifascista”

30.10.2013

E’ on line l’ultimo numero de “L’ antifascista”. Per leggerlo gratuitamente sul sito dell’ANPPIA, bisogna registrarsi. Con la registrazione al sito si potrà in futuro accedere anche a parti dell’archivio che saranno inserite solo per gli utenti, e

Novantacinque anni dalla nascita di Pietro Amendola.

26.10.2013

Ieri, 25 ottobre, a Montecitorio, è stato presentato il libro di Alfredo Capone intitolato a Giovanni Amendola. Mentre ascoltavo, nella platea, sfogliando le pagine della corposa biografia, il ritratto in copertina di mio nonno con gli occhi cerchiati

E dopo le Fosse Ardeatine Erich Priebke andò a terrorizzare il bresciano.

25.10.2013

LA STORIA. Il «boia delle Fosse Ardeatine» rimase qui a lungo. In molti, soprattutto detenuti a Canton Mombello, subirono per ordine suo pestaggi e torture. Il ricordo di Agape Nulli: «Un ufficiale alto, elegante, dal tratto freddo e

Il boia di mio padre

16.10.2013

È morto un infame, perché solo così può essere definito un individuo come Erich Priebke che, dopo aver anche direttamente partecipato all’eccidio di 335 persone, non solo non ha mai avuto, durante tutti i lunghi anni che sono

16 Ottobre 1943

16.10.2013

(tratto da ” 16 ottobre 1943″ di Giacomo Debenedetti, Einauidi Edizioni, 2001)   “La razzia si protrasse fino verso le 13. Quando fu la fine, per le vie del Ghetto non si vedeva più anima, vi regnava la

Carlo Lizzani ha staccato la chiave

15.10.2013

Se ne è andato anche lui, un altro pezzo nobile della memoria antifascista di questo Paese. Carlo Lizzani si è tolto la vita. Come Monicelli. Ma il regista toscano era un impulsivo, temperamentoso, l’autore romano, al contrario, aveva