MENU LOGIN
NEWS
26.10.2013

Novantacinque anni dalla nascita di Pietro Amendola.

di Antonella Amendola

Mio padre era un uomo ordinato, dominato dal senso del dovere.


Ieri, 25 ottobre, a Montecitorio, è stato presentato il libro di Alfredo Capone intitolato a Giovanni Amendola. Mentre ascoltavo, nella platea, sfogliando le pagine della corposa biografia, il ritratto in copertina di mio nonno con gli occhi cerchiati di nero, emaciato, già consegnato al suo triste destino per le percosse ricevute da una squadraccia fascista, mi faceva ripensare a mio papà Pietro, il più giovane della famiglia Amendola che era nato il 26 ottobre. Lui aveva solo 7 anni quando gli fu sottratto il padre e se lo interrogavo, con tanto pudore, mi diceva: «Papà era bellissimo, alto, con le mani bianche, grandi, gli occhi scuri. Quando mi faceva entrare nel suo letto per giocare e mi abbracciava io mi sentivo il bambino più fortunato del mondo». Mio padre ha lasciato un bauletto dove ci sono oggetti di suo padre: la camicia insanguinata indossata quando fu aggredito, la maglia di lana ridotta a brandelli, la tazzina che teneva sul comodino nella clinica di Cannes dove è spirato, il rasoio, il tesserino parlamentare e quello da giornalista, un pettine, etc. Tutta una vita in un bauletto. La memoria di quell’uomo alto, con le mani bianche, grandi, e gli occhi tanto espressivi è lì, chiusa in un bauletto. Mio padre era un uomo ordinato, dominato dal senso del dovere. Ancora qualche giorno prima di morire (7 dicembre 2007) era alla scrivania, che era sta di suo padre, a cercare di far pulizia tra le carte di famiglia. Buttò nel cestino alcuni conti di tintoria di Giovanni Amendola: li ho raccolti io, senza che lui se ne accorgesse. Mi sembra che non si debba gettare niente di quel poco che rimane della vita di Giovanni Amendola. Pietro fu preso dai fascisti in un bar all’Aventino. Si era appena laureato, avrebbe voluto, col suo carattere meticoloso, diventare notaio e faceva pratica presso il notaio Capasso. Finì in carcere. Una detenzione lunga più di tre anni: lo liberò la popolazione di San Gimignano perché gli aguzzini erano scappati sotto il fuoco dei bombardamenti americani. In casa ci sono i fogli della detenzione: aveva perso trenta chili, veniva spesso messo in cella d’isolamento per aver scambiato libri con altri detenuti. Dal carcere scriveva a casa lettere sempre piene di ottimismo: non voleva che la madre e i fratelli Giorgio e Antonio stessero in pena per lui. Così era mio padre, forte e riservato. Con le poche forze che gli rimanevano andò al gazebo a votare Veltroni alle primarie. Mi chiedo se oggi fosse vivo che cosa penserebbe del travaglio del Pd. Si terrebbe nel cuore ogni dubbio e continuerebbe a pagare la sua quota di iscritto, perché gli uomini di quella generazione, gli antifascisti che hanno attraversato quelle prove sanno che dividendosi non si va da nessuna parte.


Torna alle News

TUTTE LE NEWS

E dopo le Fosse Ardeatine Erich Priebke andò a terrorizzare il bresciano.

25.10.2013

LA STORIA. Il «boia delle Fosse Ardeatine» rimase qui a lungo. In molti, soprattutto detenuti a Canton Mombello, subirono per ordine suo pestaggi e torture. Il ricordo di Agape Nulli: «Un ufficiale alto, elegante, dal tratto freddo e

Il boia di mio padre

16.10.2013

È morto un infame, perché solo così può essere definito un individuo come Erich Priebke che, dopo aver anche direttamente partecipato all’eccidio di 335 persone, non solo non ha mai avuto, durante tutti i lunghi anni che sono

16 Ottobre 1943

16.10.2013

(tratto da ” 16 ottobre 1943″ di Giacomo Debenedetti, Einauidi Edizioni, 2001)   “La razzia si protrasse fino verso le 13. Quando fu la fine, per le vie del Ghetto non si vedeva più anima, vi regnava la

Carlo Lizzani ha staccato la chiave

15.10.2013

Se ne è andato anche lui, un altro pezzo nobile della memoria antifascista di questo Paese. Carlo Lizzani si è tolto la vita. Come Monicelli. Ma il regista toscano era un impulsivo, temperamentoso, l’autore romano, al contrario, aveva

E’ scomparso Giuseppe Bolgia

08.10.2013

Giuseppe Bolgia non ce l’ha fatta a vedere la nuova targa che il 16 ottobre sarà riposizionata  dalle ferrovie al Binario Uno della Stazione Tiburtina in ricordo di suo padre, il ferroviere Michele Bolgia, l’uomo coraggioso che spiombava

“La via maestra”

25.09.2013

Verso il 12 ottobre. Il punto è non essere vittime di un dibattito pubblico del tutto fuorviante rispetto ai problemi del Paese. Un Paese che ha sì bisogno di riforme, ma ha prima di tutto la necessità di “riscoprire

E’ morta Giovannina Marturano

19.09.2013

E’ morta a 101 anni Giovanna Marturano, eroina della Resistenza antifascista e presidente onorario dell’Anpi di Roma. “E’ con estremo dolore che abbiamo appreso la notizia della scomparsa avvenuta giovedì”, si legge in una nota dell’Associazione nazionale partigiani,

Esponenti di Alba Dorata uccidono il cantante “antifascista” Killah P.

19.09.2013

Killa P stava guardando una partita di calcio in compagnia della sua fidanzata in un caffè di Atene, quando un gruppo di neo nazisti ha fatto irruzione nel locale e lo hanno pugnalato al cuore. Inutile la corsa