MENU LOGIN
L'ANTIFASCISTA
23.02.2015

DALLA LEGIONE BRENNO AD AQUILA NERA

di Saverio Ferrari

IL FENOMENO DELLE ORGANIZZAZIONI NEOFASCISTE COSTITUITE DA EX APPARTENENTI ALLE FORZE DELL’ORDINE UNA MAPPA INQUIETANTE E MOLTO PERICOLOSA


Sembrerebbero essersi subito spenti i riflettori sull’operazione “Aquila Nera”, avviata dalla Procura dell’Aquila che, con quattordici arresti, a fine dicembre, ha portato allo smantellamento di un’organizzazione terroristica di stampo neofascista denominata Avanguardia ordinovista. Ciò che al momento appare certo è che alla guida di questa formazione eversiva figurasse tale Stefano Manni, per oltre un decennio in servizio nell’Arma dei Carabinieri.
Solo qualche mese fa, a metà settembre, era stata programmata in contemporanea a Milano e a Roma, in alcune piazze centrali, la prima uscita della cosiddetta Fratellanza nazionale dei lupi neri. Ambedue i presidi «nazionalpatriottici» erano stati indetti «pro forze dell’ordine ed esercito». A Roma, la manifestazione promossa senza alcuna richiesta di autorizzazione, era stata sciolta dalla polizia dopo l’identificazione dei presenti. A Milano, dove si puntava a una forte visibilità, dodici erano stati invece i denunciati per apologia di fascismo dovuta a saluti romani e allo sventolamento di bandiere della Repubblica sociale. La Fratellanza, sul proprio blog, nei giorni precedenti, aveva propagandato, tra foto di pistole e di mitra d’assalto, l’organizzazione di «campi legionari» svoltisi in diverse località della Lombardia. Anche in questo caso ai vertici comparivano ex carabinieri, ex poliziotti ed ex paracadutisti. Si stanno dunque moltiplicando fenomeni di questo tipo, animati da aderenti un tempo alle forze armate e ai corpi di polizia. Una storia più lunga di quanto si creda.

DESTRA NAZIONALE STORY

Nel 2005 fu la volta del Dssa (il cosiddetto Dipartimento Studi Strategici Antiterrorismo) venuto alla luce inseguendo, negli ambienti dei mercenari e dei body guard, la pista che aveva portato Fabrizio Quattrocchi in Iraq, sequestrato e ucciso a Baghdad il 14 aprile del 2004.
Nato con «finalità di monitoraggio e contrasto del terrorismo» il Dssa si era rivelato in realtà una non trascurabile congrega di neofascisti, poliziotti, ed ex presunti appartenenti a Gladio, già attivo da qualche anno anche sotto la denominazione di Destra nazionale. L’organizzazione, a sentire i promotori, venne fondata al fine di far rivivere il Movimento Sociale-Destra nazionale di Giorgio Almirante, dopo il “tradimento” di Gianfranco Fini. Il sito internet fu oggetto di interrogazioni parlamentari già nel 2003 per i suoi espliciti contenuti razzisti. L’allarme nacque in seguito all’annuncio della costituzione di fantomatici “Reparti di Protezione Nazionale”, con tanto di divisa (basco, camicia e giubbotti grigi, con cinturone nero), pronti a entrare in azione, in caso di pericolo, a supporto delle Forze Armate. Inutile dire che il pericolo veniva ravvisato nell’invasione in massa dei «nuovi barbari islamici». Ciò che però aveva suscitato maggior inquietudine era che Destra nazionale annoverasse fra i suoi massimi dirigenti ex-poliziotti e poliziotti in servizio presso importanti questure, come a Milano, dove lo stesso coordinatore nazionale risultava essere un ispettore. Al gruppo, non a caso, si affiancava anche un piccolo sindacato autodenominatosi Unione nazionale Forze di Polizia.
A onor del vero, nello stesso arcipelago neofascista, pur ricco di particolarità, eccessi e stramberie, Destra nazionale non aveva mai goduto di molto credito. Il fatto stesso di assumere come simbolo lo stemma della Cia leggermente modificato, di qualificare i propri aderenti come ex agenti segreti, con un passato da “gladiatori”, in rapporti di collaborazione con la Nato e il Mossad israeliano, avevano fatto nascere più di un sospetto. Il vantare anche da parte del presidente di Dn, Gaetano Saya, l’appartenenza alla massoneria con l’altisonante titolo di “Maestro venerabile della Loggia Divulgazione 1”, non aveva certamente contribuito a dissipare i dubbi.
Mitomani deliranti? Forse. Eppure risultarono veritieri l’accesso alla banca dati del Viminale, nonché alcuni rapporti con gli apparati di sicurezza, il Sismi in primo luogo, emersi nell’inchiesta giudiziaria. Qualcosa di più di un’innocua «banda di pataccari» come li definì l’allora ministro degli Interni Giuseppe Pisanu, quasi a ridimensionare l’intera faccenda. Solo qualche anno dopo, nel giugno del 2009, tornarono alla ribalta a Milano con la cosiddetta Guardia nazionale italiana, per «pattugliare il territorio» con tanto di divisa d’ordinanza: camicia grigia con cinturone e spallaccio neri, cravatta nera, pantaloni grigi con banda laterale nera, basco grigio con il simbolo dell’aquila imperiale romana. Al braccio una fascia nera con la “ruota solare” di ispirazione nazista. Tra loro il colonnello dei carabinieri in congedo Augusto Calzetta di Massa Carrara. Furono immediatamente messi in condizione di non agire su ordine della Procura della Repubblica.
GLI ANTESIGNANI

Tornando a ritroso nel tempo altre vicende simili avevano ancor prima avuto l’onore della cronaca, dal Progetto Arianna, nel 2000, un’organizzazione antidroga clandestina costituita a Latina da appartenenti alle forze dell’ordine, per finire agli Elmetti bianchi, una fondazione a carattere internazionale alimentata soprattutto da ex poliziotti, spuntata a lato del caso Telekom-Serbia, animata in Italia da un neofascista assai conosciuto per i suoi trascorsi in organizzazioni eversive e nella massoneria. Molti si saranno certamente anche dimenticati della cosiddetta Legione Brenno, nata in coincidenza con lo scoppio della guerra serbo-croata per difendere la «nuova frontiera dell’occidente minacciata», venuta alla luce solo nel 1998, seguendo le orme di un sanguinoso conflitto a fuoco con agenti di polizia tre anni prima a Marghera. La Legione Brenno, ispirata ai cavalieri di antichi ordini religioso-militari come i Templari, si scoprì presto essere stata fondata da alcuni ex carabinieri interessati al business della sicurezza e dell’assoldamento di milizie private nelle guerre in corso.
In tutti questi casi la costante risulta la medesima. A costituire queste organizzazioni sono fascisti ed ex appartenenti alle forze dell’ordine. Un dato sui cui riflettere.


Torna all'Antifascista

L'ANTIFASCISTA

Tra ausiliarie, delatrici e spie, il ruolo delle donne nella Repubblichetta fascista

10.11.2014

Ragionare sulla violenza subita nelle sue diverse forme è indispensabile pensando alle “guerre totali” del 900, a situazioni in cui la dimensione privata e quella pubblica si mescolano e si intrecciano ad avvenimenti che calano sulle popolazioni locali

Mio padre è ancora la guida spirituale che ispira le mie scelte esistenziali

07.05.2014

Il 24 marzo ricorre il settantesimo anniversario dell’eccidio delle Fosse Ardeatine dove, per mano dei nazisti capitanati dall’ufficiale delle SS Herbert Kappler, persero la vita 335 persone. Tra questi l’ufficiale Giuseppe Cordero Lanza di Montezemolo, Medaglia d’oro al

Guardando negli occhi Adolf Eichmann scoprì la banalità del male

17.01.2014

Il New York Time in una lista di recensioni di 900 film dello scorso anno l’ha inserito tra i primi dieci. La critica giapponese l’ha decretato il miglior film straniero del 2013. Stiamo parlando di Hannah Arendt il

Questa volta a prenderci l’anima è una ragazzina ebrea scampata ad Auschwitz

17.01.2014

Qualche voltafaccia sgarbato. Qualche prudente ritirata. Alcuni esercenti cinematografici, dopo essersi impegnati, si sono rifiutati di accogliere in sala il film Anita B. di Roberto Faenza, storia di una sedicenne ebrea scampata ad Auschwitz che vuole, con tutte

Quando Roma aveva il suo romanzo anarchico

29.11.2013

«Pensatori di un sogno sconfinato, (…) con l’istinto insofferente radicato nell’animo, noi siamo sempre ribelli…». Di fronte a una narrativa ormai schiacciata in una fiction compulsiva e autoreferenziale, può risultare più soddisfacente leggere i saggi, resoconti, ricostruzioni storiche.

Il signore della scena è un partigiano

29.11.2013

Più che un bravissimo attore di teatro ormai è considerato un mostro sacro, un monumento vivente, la presenza artistica capace di dare a una pièce, a un film il tocco magico del sublime. Gianrico Tedeschi, classe 1920, recita

Loro giocavano ai cow boy, noi ai piccoli pionieri

19.09.2013

Falce e fumetto è un volume di raro pregio, figlio della volontà del curatore Juri Meda di proporre un originale percorso storiografico, quale appunto quello sulla storia della stampa periodica italiana per l’infanzia di estrazione socialista e comunista

Quanti carabinieri eroici a difesa di Roma

19.09.2013

Salvatore D’Acquisto si è immolato il 23 settembre 1943 a Torre di Palidoro per impedire una strage di civili da parte tedesca. È noto. Meno noto è il contesto in cui operava il vicebrigadiere D’Acquisto, cioè la stazione