MENU LOGIN

NEWS

NEWS
18.08.2017

Solidarietà alla Spagna e alla Città di Barcellona

di ANPPIA

Ora come allora No Pasaran

L’Anppia nazionale è vicina alla Spagna e alla Città di Barcellona così duramente colpita dall’attentato di ieri e si unisce alle parole della Sindaca Ada Colau  “Barcellona città di pace. Il terrore non ci farà smettere di essere chi siamo: una città aperta al mondo, coraggiosa e solidale”, augurandosi che valgano per tutta l’Europa.

NEWS
11.08.2017

La lezione di Luciano Guerzoni

di Massimo Meliconi (vicepresidente nazionale ANPPIA)

Da un uomo del Novecento un insegnamento per il futuro

Luciano Guerzoni era nato nel 1935, aveva conosciuto il fascismo solo da bambino, ma il secolo breve lo aveva vissuto fino in fondo. Aveva lavorato come operaio per pagarsi gli studi, cosa davvero novecentesca, ed era in tutto e per tutto un frutto della scuola del vecchio Pci, per di più emiliano, modenese nello specifico. Colpiva il tratto signorile e la sua voluta mancanza di aggressività (più novecentesco di così) e si potrebbe sospettare che, dopo una onorata carriera nel
Prosegue…

NEWS
11.08.2017

ADDIO LUCIANO GUERZONI

di ANPPIA

I Perseguitati Politici Antifascisti salutano Luciano Guerzoni

Stamattina con profondo dolore abbiamo appreso della scomparsa di Luciano Guerzoni, Vicepresidente nazionale dell’Anpi. La Sua scomparsa lascia un vuoto non solo nell’Anpi ma in tutte le Associazioni antifasciste che perdono un dirigente serio e rigoroso, dal profondo spirito unitario e dall’instancabile impegno in difesa dei valori della Costituzione. All’Anpi e alla famiglia il nostro abbraccio affettuoso. Di seguito il testo del telegramma inviato all’ANPI nazionale L’Anppia nazionale saluta commossa Luciano Guerzoni, vicepresidente nazionale dell’ANPI, uomo di grande serietà e
Prosegue…

ANTIFASCISTI

Lucetti Gino

Avenza di Carrara (Ms) il 31.8.1900 - Ischia (NA) 17.9.1943, scalpellino, anarchico.

Militante anarchico, coinvolto in scontri armati con i fascisti nel 1920-1922. Per alcuni anni è in Francia. Ricercato per aver sparato a 3 fascisti nel settembre 1925, si rende latitante.   Arrestato l’11.9.1926 per l’attentato al capo del governo avvenuto
Prosegue…

Jacometti Alberto

Nato a San Pietro Mosezzo (Novara) il 10 marzo 1902, morto a Novara il 10 gennaio 1985, giornalista socialista

Figlio di piccoli proprietari terrieri, sin da giovane si interessa di coltivazioni, aderendo alle teorie socialiste. Nel 1924 consegue la laurea in Agraria presso l’università di Cagliari e si iscrive al PSU (Partito Socialista Unitario), collaborando con il foglio clandestino
Prosegue…

L'ANTIFASCISTA

ISCRIVITI PER ACCEDERE ALL'ARCHIVIO PDF DEL GIORNALE

Di Canio mostra il tatuaggio “dux” e Sky gli toglie la rubrica sportiva tv

Il pelo perde il pelo ma non il vizio: “Orgoglioso di essere fascista”

In Italia accade spesso che vicende, apparentemente futili, si facciano amplificatore della seria dicotomia tra fascismo e antifascismo, ahinoi, mai risolta con una netta, definitiva e unanime condanna dell’esperienza del regime mussoliniano. Lo sport del calcio poi, non solo in Italia, inteso nei suoi risvolti più ampi, come «fatto sociale totale», secondo una celebre definizione che ne fu data, ha sempre fatto da cassa di risonanza a certe tensioni – consigliamo in proposito la lettura del fondamentale saggio scritto da Simon Kuper intitolato Calcio e potere. Ecco perché non stupisce il clamore che ha suscitato la recente ennesima polemica riguardante l’ex calciatore Paolo Di Canio. È rimbalzata in rete infatti,
Prosegue…