MENU LOGIN

NEWS

NEWS
14.09.2017

La propaganda fascista è un reato.

di ANPPIA NAZIONALE

Approvata alla Camera la legge Fiano. La lettera del presidente Tempesta

Di seguito la lettera inviata dal Presidente Tempesta all’on. Fiano, primo firmatario della legge che introduce nel codice penale il reato di propaganda fascista, dopo l’approvazione alla Camera dell’altro ieri. Egregio Onorevole, a nome dell’ANPPIA, la nobile associazione fondata da Pertini e Terracini, desidero complimentarmi per l’approvazione da parte della Camera dei Deputati ella sua proposta di legge, che introduce nel Codice Penale il reato di propaganda fascista. Ci auguriamo che il provvedimento venga approvato, in tempi rapidi e senza emendamenti, dal Senato della Repubblica. Il fermento, le provocazioni di gruppo dichiaratamente fasciste non solo debbono essere fermate con le leggi, ma combattute con la conoscenza della storia. E questa negli ultimi decenni della nostra Repubblica “antifascista”, come la definirono i Padri Costituenti, latita nelle aule delle nostre scuole. Non facendo così conoscere alle nuove generazioni i terribili anni della violenza fascista. La nostra associazione è nata con questo fine e continuerà a tenerlo alto, e a combattere ogni forma di indifferenza, razzismo
Prosegue…

NEWS
06.09.2017

Comunicato ANPPIA Nazionale contro la “marcia” su Roma dei neo fascisti

di ANPPIA Nazionale

Bisogna impedire questa vergognosa provocazione di Forza Nuova

L’Associazione Nazionale Perseguitati Politici Italiani Antifascisti (ANPPIA), fondata da Sandro Pertini e Umberto Terracini, chiede con forza l’immediato intervento del Ministro dell’Interno e del Prefetto di Roma per impedire, sulla base delle leggi vigenti, la vergognosa provocazione della marcia di Forza Nuova a Roma il prossimo 28 ottobre. Il 28 ottobre è una data tragica che ricorda agli Italiani la Marcia su Roma, l’inizio cioè del regime fascista preceduto e accompagnato dalle violenze squadriste, e caratterizzato per vent’anni da cancellazione delle
Prosegue…

NEWS
27.08.2017

1944 – 2017 da Vinca a Pistoia

di DIRETTIVO ANPPIA LIVORNO (foto tratta da Repubblica.it)

Da Livorno un appello a tutti i cittadini contro il neofascismo e il razzismo

Un ampio panorama, la vetta di un monte, una bandiera che sventola impugnata  saldamente da un uomo con aria soddisfatta e determinata, una bella escursione in montagna.  Guardando più attentamente, si nota un disegno sulla bandiera, un’aquila ad ali spiegate: il simbolo della Repubblica Sociale, uno dei tanti simboli fascisti che, in maniera più o meno subdola, più o meno provocatoria, stanno ricomparendo sempre più spesso. Ed infatti non si tratta di una semplice gita in montagna, ma della decisione
Prosegue…

ANTIFASCISTI

Sasdelli Dino

Nato a Medicina (Bologna) il 25 gennaio 1906, operaio comunista

Nato a Medicina (Bologna) il 25 gennaio 1906, di professione operaio, si iscrive giovanissimo (1922) al Partito Comunista d’Italia. Le conseguenti persecuzioni fasciste lo costringono prima a rifugiarsi a Roma, poi a espatriare clandestinamente oltralpe. Espulso dalla Francia nel 1925
Prosegue…

Terracini Umberto

Genova il 7.7.1895 - Roma 27-7-1983; residente a Torino e a Roma, avvocato, comunista.

Nel 1911 si iscrive alla federazione giovanile socialista di Torino, di cui diviene segretario nel 1914. Fervente antimilitarista, sconta un mese di carcere nel settembre 1916, poi chiamato alle armi come soldato semplice fino alla fine della guerra. Si laurea
Prosegue…

L'ANTIFASCISTA

ISCRIVITI PER ACCEDERE ALL'ARCHIVIO PDF DEL GIORNALE

Di Canio mostra il tatuaggio “dux” e Sky gli toglie la rubrica sportiva tv

Il pelo perde il pelo ma non il vizio: “Orgoglioso di essere fascista”

In Italia accade spesso che vicende, apparentemente futili, si facciano amplificatore della seria dicotomia tra fascismo e antifascismo, ahinoi, mai risolta con una netta, definitiva e unanime condanna dell’esperienza del regime mussoliniano. Lo sport del calcio poi, non solo in Italia, inteso nei suoi risvolti più ampi, come «fatto sociale totale», secondo una celebre definizione che ne fu data, ha sempre fatto da cassa di risonanza a certe tensioni – consigliamo in proposito la lettura del fondamentale saggio scritto da Simon Kuper intitolato Calcio e potere. Ecco perché non stupisce il clamore che ha suscitato la recente ennesima polemica riguardante l’ex calciatore Paolo Di Canio. È rimbalzata in rete infatti,
Prosegue…