MENU LOGIN

NEWS

NEWS
25.04.2017

25 Aprile, la festa della Liberazione!

di ANPPIA Nazionale

Aforismi e poesie dedicate al giorno della Liberazione dal nazi fascismo. Settant'anno dopo, ricordare è un dovere.

“Cittadini, lavoratori! Sciopero generale contro l’occupazione tedesca, contro la guerra fascista, per la salvezza delle nostre terre, delle nostre case, delle nostre officine. Come a Genova e Torino, ponete i tedeschi di fronte al dilemma: arrendersi o perire”. Dal discorso alla radio in cui Sandro Pertini proclama l’insurrezione generale a Milano. Era il 25 aprile 1945.   Era giunta l’ora di resistere; era giunta l’ora di essere uomini: di morire da uomini per vivere da uomini. Piero Calamandrei   Qui vivono per sempre gli occhi che furono chiusi alla luce perché tutti li avessero aperti per sempre alla luce Giuseppe Ungaretti     Sul 25 aprile si sono scritti trattati, pensieri, frasi, poesie, ciò che rimane è la conquista dell’uomo della sua libertà spinto, più che mai a ribellarsi a ideali in cui non credeva, ad una soppressione anacronistica. Dovremmo tutti imparare dalla storia, per trovare la forza di dire ‘no’ e lottare per la libertà Stephen Littleword

NEWS
20.04.2017

APPELLO ALL’UNITA’ ANTIFASCISTA

di ANPPIA Nazionale

Il messaggio del Presidente Nazionale dell'ANPPIA che chiama all'unità tutte le associazioni della memoria antifasciste

L’Anppia, Associazione Nazionale Perseguitati Politici Italiani Antifascisti, fa appello a tutti i cittadini e a tutte le Associazioni della Memoria e Antifasciste per ripristinare il clima di unità e di condivisione di quelli stessi ideali che hanno animato la lotta Antifascista e Resistenziale. In caso contrario ritiene che si possano indebolire le medesime istanze Antifasciste perseguite da tutte le Associazioni, rafforzandosi al contempo quelle dei movimenti che ne rifiutano i principi. In un momento di gravi difficoltà come quello attuale,
Prosegue…

NEWS
07.04.2017

Addio Aurelio, ultimo combattente di Spagna

di ANPPIA Nazionale

Ci ha lasciato a Napoli la scorsa notte Aurelio Grossi, ultimo volontario antifascista italiano nella Guerra di Spagna, socio onorario dell'ANPPIA.

Ci ha lasciati Aurelio Grossi, ultimo volontario antifascista italiano nella Guerra di Spagna. La sua famiglia è stata un esempio di antifascismo attivo quasi unica per impegno e sacrifici pagati a caro prezzo. Rimane il rammarico che un testimone storico così importante sia stato per anni “dimenticato” e solo ultimamente grazie all’impegno del Prof. Aragno e di Pasquale D’Ajello gli è stato riconosciuta la cittadinanza onoraria della città di Napoli dal sindaco De Magistris. La sua vita è stata intensa,
Prosegue…

ANTIFASCISTI

Cianca Claudio

Roma il 4.9.1913, ivi residente, studente ed elettricista, anarchico.

Figlio di Renato. E’ arrestato a Roma con il padre il 16.10.1933 a seguito del noto attentato in piazza San Pietro. “Non solo ha rivendicato la responsabilità del suo gesto, ma ha dichiarato di essere disposto a compierne altri, pur
Prosegue…

Lucetti Gino

Avenza di Carrara (Ms) il 31.8.1900 - Ischia (NA) 17.9.1943, scalpellino, anarchico.

Militante anarchico, coinvolto in scontri armati con i fascisti nel 1920-1922. Per alcuni anni è in Francia. Ricercato per aver sparato a 3 fascisti nel settembre 1925, si rende latitante.   Arrestato l’11.9.1926 per l’attentato al capo del governo avvenuto
Prosegue…

L'ANTIFASCISTA

ISCRIVITI PER ACCEDERE ALL'ARCHIVIO PDF DEL GIORNALE

Di Canio mostra il tatuaggio “dux” e Sky gli toglie la rubrica sportiva tv

Il pelo perde il pelo ma non il vizio: “Orgoglioso di essere fascista”

In Italia accade spesso che vicende, apparentemente futili, si facciano amplificatore della seria dicotomia tra fascismo e antifascismo, ahinoi, mai risolta con una netta, definitiva e unanime condanna dell’esperienza del regime mussoliniano. Lo sport del calcio poi, non solo in Italia, inteso nei suoi risvolti più ampi, come «fatto sociale totale», secondo una celebre definizione che ne fu data, ha sempre fatto da cassa di risonanza a certe tensioni – consigliamo in proposito la lettura del fondamentale saggio scritto da Simon Kuper intitolato Calcio e potere. Ecco perché non stupisce il clamore che ha suscitato la recente ennesima polemica riguardante l’ex calciatore Paolo Di Canio. È rimbalzata in rete infatti,
Prosegue…