MENU LOGIN

ANTIFASCISTI


Archivio frecciaAntifascisti



Conosci le persone che hanno contribuito con il loro sacrificio alla storia dell’antifascismo. Consulta i nomi di chi si è distinto nella causa attraverso il nostro archivio indicizzato in ordine alfabetico:

A

B

C

D

E

F

G

H

I

J

K

L

M

N

O

P

Q

R

S

T

U

V

W

X

Y

Z


D frecciaDi Vittorio Giuseppe


Di Vittorio Giuseppe

Data di nascista: 11/08/1892


Biografia:

Inizia l’attività sindacale a 13 anni, dopo aver iniziato a lavorare nei campi all’età di 8 anni perchpè rimasto orfano: “di sveglia intelligenza e di limitatissima cultura, che ha acquisito leggendo continuamente giornali e opuscoli”. Segretario del circolo socialista di Cerignola nel 1908, subisce il primo processo politico nel 1910.

 

Nel 1914 è alla testa della Settimana rossa a Bari. Nel 1921-22, segretario della Camera del lavoro di Bari, dirige gli arditi del popolo nella lotta armata contro i fascisti di Caradonna. Eletto deputato nelle liste del Psi nel 1921, passa al PCd’I con la frazione terzinternazionalista. Subisce vari mesi di carcere nel 1925-26 nonostante l’immunità parlamentare. Dichiarato decaduto da deputato nel novembre 1926, è colpito da mandato di cattura e ripara in Francia.

 

Condannato in contumacia dal Tribunale Speciale il 7.5.1927 per propaganda sovversiva tendente all’insurrezione e incitamento all’odio di classe a 12 anni, è contemporaneamente assegnato al confino per 4 anni. Dirigente politico e sindacale nell’emigrazione, viene segnalato a Mosca e Parigi.

 

 

Alla fine del 1936 è Commissario Politico dell’11° Brigata internazionale in Spagna: ferito in combattimento. Nel 1939 dirige “La Voce degli italiani” a Parigi. Arrestato nel febbraio 1941 dai francesi e consegnato alla polizia italiana: è confinato a Ventotene per 5 anni. Liberato nell’agosto 1943 (Il 29.7.1943, 4 giorni dopo la caduta del fascismo, il Questore di Foggia chiede al Ministero degli interni di “non rimettere in libertà Di Vittorio, pericoloso comunista schedato”).

 

Dal 1944 Segretario generale della Confederazione generale italiana del lavoro. Deputato dell’assemblea costituente , è in seguito rieletto fino al 1953.

 

Morto a Lecco il 3.11.1957.


Documenti relativi a Di Vittorio Giuseppe:

FOTO

VIDEO

DOCUMENTI