MENU LOGIN

ANTIFASCISTI


Archivio frecciaAntifascisti



Conosci le persone che hanno contribuito con il loro sacrificio alla storia dell’antifascismo. Consulta i nomi di chi si è distinto nella causa attraverso il nostro archivio indicizzato in ordine alfabetico:

A

B

C

D

E

F

G

H

I

J

K

L

M

N

O

P

Q

R

S

T

U

V

W

X

Y

Z


C frecciaCao Vittorio


Cao Vittorio

Data di nascista: 11/08/1901


Biografia:

Cao Vittorio di Giovanni e di Di Lena Teresa, nato a Rivignano (Ud) l’11.8.1901, muratore, anarchico.
Militare nell’Arma di Cavalleria tra il 1920-1922, emigra regolarmente in Austria nell’agosto del 1922, per poi passare in Belgio e risiedere definitivamente nel Granducato di Lussemburgo, più precisamente a Dudelange, occupato inizialmente come manovale per le costruzioni ferroviarie e poi, fino al maggio 1937, in una fonderia. Nel 1929 si sposa con una cittadina lussemburghese e ha 4 figli. Segnalato quale accanito sovversivo anarchico è ammonito dalla polizia lussemburghese. Dal 1935 al 1937 regolarmente iscritto alla LIDU (Lega Italiana dei diritti dell’uomo).
Nel maggio 1937 parte per la Spagna attraversando clandestinamente i Pirenei. Arriva a Fugureas e poi ad Ambacete dove fu assegnato alla sezione anticarro della 45° divisione rossa dalla quale dipendeva la 12 Brigata Internazionale Garibaldi. Da Ambacete poi è trasferito a Huesca.
Nell’agosto 1939 rientra a Lussemburgo.
Arrestato dai tedeschi nell’estate del 1940 incarcerato a Esch sur Alzette, è poi consegnato alle autorità italiane alla Frontiera del Brennero. Portato a Udine, la Commissione provinciale per il confino lo invia per 4 anni a Tremiti con ordinanza del 30.10.1940. Durante il periodo di confino, le autorità scrivono: “non ha dato prova indubbia di ravvedimento” e “mantiene inalterate le sue idee”.
Prosciolto dal confino l’8.9.1943 rientra in Friuli, a Codroipo. Nel marzo 1944 risulta essersi allontanato “per ignota direzione”. Infatti entra nelle file partigiane, commissario politico nella Brigata Garibaldi-Tagliamento col nome di battaglia di “Biella”. Alla fine della guerra rientra a Lussemburgo. E’ morto il 24 luglio 1956 folgorato da una scarica elettrica mentre era al lavoro in miniera.


Documenti relativi a Cao Vittorio:

FOTO

VIDEO

DOCUMENTI